Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

A Milano sei giorni di cinema israeliano

Terrasanta.net
20 febbraio 2013
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
A Milano sei giorni di cinema israeliano
La locandina della rassegna cinematografica milanese.

Hanno fatto incetta di premi prestigiosi nei festival di mezzo mondo i film che dal 23 al 28 febbraio saranno a disposizione del pubblico milanese in occasione della rassegna Nuovo Cinema Israeliano, in programma allo Spazio Oberdan. L'iniziativa è organizzata dalla Fondazione Cdec in collaborazione con la Fondazione Cineteca di Milano e il Pitigliani Kolno'a Festival.


Hanno fatto incetta di premi prestigiosi nei festival di mezzo mondo. E dal 23 al 28 febbraio saranno a disposizione del pubblico milanese in occasione della rassegna Nuovo Cinema Israeliano in programma allo Spazio Oberdan. L’iniziativa è organizzata dalla Fondazione Centro di documentazione ebraica contemporanea (Cdec) in collaborazione con la Fondazione Cineteca di Milano e il Pitigliani Kolno’a Festival, è curata da Nanette Hayon e Paola Mortara, con la direzione artistica di Dan Muggia e Ariela Piattelli. I film in programma per questa sesta edizione della Rassegna, sono una scelta dell’ultimo Pitigliani Kolno’a Festival, svoltosi a Roma lo scorso novembre.

Footnote di Joseph Cedar si è aggiudicato il premio per la Migliore sceneggiatura a Cannes ed è stato poi nominato agli Oscar; Hadas Yaron, protagonista di La sposa promessa di Rama Burshtein, ha vinto la Coppa Volpi al Festival di Venezia; The Exchange di Eran Kolirin è stato candidato al Leone d’Oro 2011, Restoration di Yossi Madmoni ha ottenuto il Crystal Globe a Karlovy Vary; God’s Neighbors di Meni Yaesh si è aggiudicato il premio Sacd a Cannes e Life in Stills di Tamar Tal ha vinto, tra gli altri, il premio Talent Dove al Leipzig Dok Festival.

Segno che il cinema israeliano continua a suscitare interesse, ad essere apprezzato quasi in tutto il mondo. Un successo «conquistato» con l’alta qualità delle opere, ma anche attraverso la varietà dei soggetti affrontati. L’unico tema che ricorre in varie forme, in alcuni dei film presentati, è il mondo religioso.

Footnote è ambientato nella realtà accademica gerosolimitana degli studiosi del Talmud, e in chiave ironica ci rende una «lezione» universale sui rapporti tra padre e figlio.

La sposa promessa è un film drammatico su una famiglia ortodossa che affronta una situazione molto difficile: anche in questa pellicola, malgrado la macchina da presa punti esclusivamente sul mondo degli hassidim ultra ortodossi, molti elementi rimandano a una condizione universale.

La religione diventa una giustificazione per farsi giustizia da soli per i protagonisti di God’s Neighbors: cresciuti in un quartiere povero, la violenza è il loro modo di far rispettare le leggi.

Restoration ci porta invece nel vecchio centro di Tel Aviv, per raccontarci in stile nostalgico, la battaglia e la sconfitta di chi cerca di resistere ai continui cambiamenti che le nuove economie impongono sui cittadini «di una volta».

È un film filosofico The Exchange, che si concentra sul nostro sguardo sulle cose, sui piccoli e i grandi cambiamenti, su come la vita può cambiare in un attimo: il regista affronta un tema lontano anni luce dal suo primo La banda, la commedia che lo ha reso famoso in tutto il mondo.

In cartellone anche tre documentari che, pur trattando argomenti diversi, raccontano di viaggi che hanno una funzione narrativa, rivelatrice. Il conflitto israelo-palestinese è al centro di One Day After Peace di Erez e Miri Laufer, in cui la protagonista, una madre israeliana che ha perso suo figlio, intraprende un viaggio in Sudafrica per capire se la politica post apartheid è applicabile anche al Medio Oriente.

David Fisher, nel suo Six Million and One, arriva fino in Austria per conoscere meglio i suoi fratelli, tutti «vittime» della Shoah, in quanto figli di un ex deportato. Infine Life in Stills, dove nipote e nonna si imbarcano in un viaggio per poi tornare a casa e capire quanto sia prezioso il loro patrimonio fotografico, che racconta la storia d’Israele, e quanto pericoloso sarebbe tenerlo a casa piuttosto che condividerlo con il pubblico.

Attenzione particolare merita il lungometraggio su uno dei mostri sacri del cinema americano, Woody Allen, in cui vita privata e professionale si intrecciano costruendo una trama di grande impatto emotivo.

Da ultimo, come di consueto, nella rassegna viene dato spazio ai giovani. Saranno offerte al pubblico alcune opere degli studenti del dipartimento di Cinema e Televisione dell’Università di Tel Aviv, la più grande scuola di cinema in Israele con 100 film prodotti all’anno.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora