Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

L’affascinante mondo delle antiche monete

Giuseppe Caffulli
14 dicembre 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
L’affascinante mondo delle antiche monete
Un'immagine emblematica della mostra sulle antiche monete al Museo di Israele.

Le monete sono una cartina tornasole delle complesse vicende umane che si sono dipanate, specie nel bacino del Mediterraneo, da 2.500 anni a questa parte. A un periodo particolare della storia numismatica è dedicata una mostra che si protrae fino al 30 marzo a Gerusalemme, presso il Museo d’Israele. Si intitola Oro bianco: alla scoperta del mondo delle monete più antiche ed espone 500 monete in elettro rinvenute in Asia Minore.


Oggi non diamo grande peso alle monete (al manufatto in sé, non certo al valore che esprime). E probabilmente non riflettiamo sul peso che l’invenzione del denaro ha avuto nella vita dell’umanità e nell’economia. Attraverso le monete storici e numismatici capiscono meglio periodi storici e rivolgimenti politici. Ma ci aiutano a leggere anche la vita minuta del popoli, dei loro traffici, delle relazioni tra Paesi lontani. Le monete sono insomma una «cartina tornasole» delle complesse vicende umane che si sono dipanate, specie nel bacino del Mediterraneo, da 2.500 anni a questa parte.

A un periodo particolare e interessante della storia numismatica è dedicata una mostra che si protrae fino al 30 marzo a Gerusalemme, presso il Museo d’Israele. Si intitola Oro bianco: alla scoperta del mondo delle monete più antiche.

L’oro bianco in questione è l’elettro, una lega d’oro e argento che può essere ottenuta artificialmente ma che si rinviene anche in natura specialmente in Asia minore. Per questo motivo fu uno dei primi materiali utilizzati per la produzione di monete nel Mediterraneo orientale. Solo più tardi venne utilizzato il bronzo, al quale si lega una vera e propria rivoluzione ideologica: la moneta d’oro e d’argento, nel mondo antico, ebbe sempre un valore reale; dopo l’avvio della coniazione del bronzo si passò invece a valori nominali di carattere fiduciario, stabiliti cioè convenzionalmente ma non corrispondenti a una quantità reale di metallo.

Presso le sale del museo gerosolimitano sono esposte 500 monete in elettro rinvenute in Asia Minore: dalle prime ritrovate presso il tempio di Artemide ad Efeso, a quelle rinvenute a Mileto e Samo, per un arco di tempo che va dal VII al IV secolo prima di Cristo. Manufatti preziosi, offerti al pubblico in un percorso espositivo chiaro e affascinante.

Il sito web dedicato alla mostra offre la possibilità di una visita virtuale e un simpatico video d’animazione che racconta l’invenzione della moneta.

Mindfulness per mamme
Riga Forbes

Mindfulness per mamme

Pensieri per una maternità senza ansie
Che cosa sogni, Macchia?
Isabella Salmoirago

Che cosa sogni, Macchia?

La vita consacrata
Najib Ibrahim

La vita consacrata

Riflessioni bibliche sulla sequela di Gesù Cristo
Il sole anche di notte
Dominique Blain

Il sole anche di notte

La spiritualità della fiducia in Teresa di Lisieux e Francesco d'Assisi