Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

C’è aria di vigilia a Beirut

Carlo Giorgi, inviato
14 settembre 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

La notte scorsa nella capitale libanese, sono apparsi molti ceri accesi alle finestre. L'idea è di dare un luminoso benvenuto al Papa, atteso nel primo pomeriggio all'aeroporto di Beirut. Questa mattina la città si è risvegliata linda e impavesata. Anche i cittadini musulmani manifesteranno un'accoglienza festosa a Benedetto XVI.


(Beirut) – Tra i messaggi che i giovani della capitale libanese hanno spedito e ricevuto, anche decine di volte, su Facebook negli ultimi giorni, ce n’era uno che invitata tutti ad accendere una candela e a metterla alla finestra, la notte del 13 settembre, perché «anche i satelliti possano vedere Beirut illuminata come mai, per salutare la visita del Papa».

Gli organizzatori dell’iniziativa hanno voluto approfittare di una tradizione molto viva in Libano, quella cioè di accendere una candela alla finestra, la vigilia della festa dell’Esaltazione della Croce, che cade appunto il 14 settembre. E se è ingenuo pensare che i satelliti possano rimanere impressionati da alcune migliaia di candele accese, tuttavia a Beirut ieri sera non sono stati pochi coloro che hanno voluto dare un segno, accendendo un lume.

Questa mattina, invece, Beirut si è risvegliata completamente impavesata. Le aiuole sono state ravvivate e le maggiori arterie cittadine ripulite. Se possibile, sono aumentati ancora gli striscioni di benvenuto in arabo, inglese, francese, tedesco e latino che salutano Benedetto XVI e lo presentano come portatore di pace e di unità.
Poco prima delle 14 il Papa dovrebbe sbarcare all’aeroporto Rafiq Hariri di Beirut per essere accolto dalle personalità religiose e civili. Pare che anche il mondo islamico si sia organizzato per accoglierlo, mobilitando migliaia di musulmani per un saluto e una «scorta» ideale al Pontefice, accompagnandolo dall’aeroporto al centro cittadino. Un modo per dire che anche i musulmani del Libano gradiscono questa visita.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Meno è di più
Francesco Antonioli

Meno è di più

Le Regole monastiche di Francesco e Benedetto per ridare anima all’economia, alla finanza, all’impresa e al lavoro
Gesù non fu ucciso dagli ebrei

Gesù non fu ucciso dagli ebrei

Le radici cristiane dell’antisemitismo
La ricchezza del bene
Safiria Leccese

La ricchezza del bene

Storie di imprenditori fra anima e business
L’anima viaggia un passo alla volta
Stefano Tiozzo

L’anima viaggia un passo alla volta

Da Capo Nord all’Holi Festival, ventimila leghe intorno al mondo