Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

In Siria e Libano la guerra delle tivù

Terrasanta.net
28 giugno 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Una delle armi con cui si combatte la guerra civile siriana è l’informazione. In Siria e Libano le tivù si schierano e qualcuna viene presa d'assalto, come ieri a Damasco, dove l'attacco a un emittente televisiva ha provocato altri morti. Intanto l'emissario dell'Onu, Kofi Annan, avanza una nuova proposta per metter fine al conflitto.


(Milano/c.g.) – Una delle armi con cui si combatte la guerra civile siriana è l’informazione. E questo è vero, oltre che nella stessa Siria, anche nel vicino Libano, il Paese del Medio Oriente che vanta la tradizione più solida in fatto di tivù satellitari e reti televisive private.

L’episodio più grave di questa «guerra dell’etere» è avvenuto ieri, mercoledì 27 giugno, quando è stata presa d’assalto la rete satellitare filo-governativa al-Ikhbariya a Damasco, dove è poi esploso anche un ordigno che ha causato almeno sette morti. Lo ha denunciato il ministro siriano dell’Informazione, Omran al-Zoubi, attribuendo l’attacco a milizie armate avversarie del regime di Bashar al Assad.

In Libano l’11 giugno ha iniziato a trasmettere a Beirut la tivù satellitare Al Mayadeen, con l’obiettivo dichiarato di fare da contraltare alle televisioni del Golfo Arabico, Al Jazeera e Al Arabiya, avversarie del presidente siriano Assad. Secondo alcuni giornalisti libanesi i finanziatori di Al Mayadeen potrebbero essere siriani o iraniani, vicini al regime di Damasco. Il direttore della nuova emittente libanese è Ghassan bin Jiddo, giornalista noto per essersi dimesso da Al-Jazeera in polemica con la linea politica della tivù sulla primavera araba. Di segno opposto, invece, secondo quanto riferisce Al Arabiya, è la scelta del giornalista americano Max Blumental, che il 22 giugno si è dimesso dal sito di informazione libanese Al Akhbar, in disaccordo con la linea editoriale del media schierato a difesa del regime siriano.

Intanto la situazione in Siria continua a rimanere disastrosa. La tivù di Stato oggi ha annunciato che una bomba è esplosa di fronte al Palazzo di Giustizia di Damasco. L’unico spiraglio di luce arriva dalla proposta presentata ieri dall’inviato dell’Onu e della Lega araba, Kofi Annan, che immagina la creazione a Damasco di un governo di transizione con membri delle parti in conflitto. L’idea, che sembra incontrare anche i favori dei più strenui alleati internazionali di Assad (Russia e Cina), verrà discussa sabato 30 giugno a Ginevra.

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Una nuova strada
Cristiana Dobner

Una nuova strada

Carlo Maria Martini, gli Esercizi e la Parola
Grecia

Grecia

Luoghi cristiani e itinerari paolini
Il libro della vita
Alberto Mello

Il libro della vita

Leggere i Salmi
Preferivo le cipolle
Giorgio Bernardelli

Preferivo le cipolle

Dieci obiezioni (da sfatare) a un viaggio in Terra Santa