Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Un cappuccino solidale

Terrasanta.net
5 aprile 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Campagna di solidarietà dei militari cattolici italiani. Questa mattina a Roma, al termine della Messa crismale del Giovedì Santo, l'ordinario militare mons. Vincenzo Pelvi ha invitato gli uomini e donne delle forze armate a un piccolo gesto: versare almeno il corrispettivo di un cappuccino per i cristiani di Terra Santa.


(Milano/g.s.) – Al termine della Messa crismale del Giovedì Santo celebrata questa mattina nella cittadella della Cecchignola, a Roma, l’arcivescovo Vincenzo Pelvi, ordinario militare per l’Italia, ha invitato gli uomini e donne delle forze armate a un piccolo gesto di solidarietà con i cristiani della Terra Santa.

L’appello si rivolge ai circa 180 mila membri di Esercito, Marina ed Aeronautica (a cui potremmo aggiungere i centomila carabinieri) ed è caratterizzato dallo slogan Un cappuccino per la Terra Santa. La proposta è che ciascuno versi almeno il corrispettivo di una tazza del celebre caffelatte italiano. Un piccolo gesto che va a raccordarsi con l’iniziativa principale della Chiesa universale, che è la Colletta del Venerdì Santo.

Le somme che verranno raccolte negli enti militari di tutta Italia saranno destinate al sostegno di scuole e ospedali e a far fronte all’emergenza abitativa che affligge i cristiani locali. «Da Sarajevo, al Kosovo, all’Afghanistan, passando per tante missioni internazionali, i nostri soldati – ha affermato mons. Pelvi – hanno contribuito alla costruzione di scuole, al sostegno di tanti bambini e comunità in difficoltà. E faranno lo stesso anche per la Terra Santa».

L’idea di questa campagna nasce dal pellegrinaggio militare in Terra Santa, organizzato dal 27 dicembre al 3 gennaio scorsi. In quella circostanza mons. Pelvi e i pellegrini incontrarono il patriarca latino di Gerusalemme, mons. Foaud Twal, che rivolse anche a loro l’invito a «non lasciare soli i cristiani della Chiesa madre di Gerusalemme».

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Acque di Sopra e Acque di Sotto

Acque di Sopra e Acque di Sotto

Letture e interpretazioni di testi sacri
Finalmente libera!
Asia Naurīn Bibi, Anne-Isabelle Tollet

Finalmente libera!

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19