Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Marzo regala neve a Gerusalemme

Terrasanta.net
2 marzo 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Questa mattina su Gerusalemme, anche se per poche ore, la neve è scesa a grossi fiocchi. Non succedeva da tre anni. L'aspettavano già la settimana scorsa, ma lei s'è fatta attendere. Oggi è arrivata, per la gioia dei più piccoli, sul finire di un inverno particolarmente piovoso.



(Gerusalemme/f.h.) – L’aspettavano sabato scorso. Le previsioni avevano pronosticato che su Gerusalemme sarebbero caduti grossi fiocchi bianchi.

Eccetto che nel Nord d’Israele, e in particolare sul Monte Hermon, che attira migliaia di vacanzieri ogni inverno, è raro nella regione vedere paesaggi imbiancati.

L’ultima neve a Gerusalemme era caduta tre anni fa. Così l’annuncio del suo imminente ritorno aveva indotto i bambini a sognare e a prepararsi all’evento: guanti da acquistare, batterie delle macchine fotografiche da ricaricare, magari lezioni da marinare per fare a palle di neve coi compagni (sempre che le scuole fossero rimaste aperte). Immaginate i volti radiosi; pensate alle conversazioni d’ufficio, che una volta tanto, anziché ruotare attorno alla politica, si sarebbero concentrate sul meteo: nevicherà? Non nevicherà?…

Non aveva nevicato. Sabato mattina sui volti era dipinto un senso di delusione. Durante la notte il cielo s’era accontentato di far cadere dei chicchi di grandine e far rimbombare alcuni tuoni sopra la città tre volte santa. Ma non aveva fatto altro che piovere, come era già successo per 29 giorni in gennaio.

Questa mattina invece, anche se per poche ore, la neve è arrivata e i bambini hanno potuto scatenarsi…

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Il dono della speranza
Alessandro Cavicchia

Il dono della speranza

Per attraversare la pandemia, e non solo
Bibbia tra orientalistica e storiografia
Tomislav Vuk

Bibbia tra orientalistica e storiografia

Una introduzione