Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

Il Muro occidentale non si può attribuire solo a re Erode

Terrasanta.net
1 dicembre 2011
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Il Muro occidentale non si può attribuire solo a re Erode
Il Muro occidentale (anche noto come Muro del pianto), a Gerusalemme, luogo sacro del giudaismo. (foto S. Lee)

A Gerusalemme nuove indagini archeologiche fanno dire agli studiosi che i lavori di ampliamento del complesso del Tempio, attribuiti ad Erode il Grande, in realtà durarono molti anni e furono portati a termine dopo la morte del sovrano. Come del resto aveva già scritto lo storico Giuseppe Flavio...


(Milano/e.p.) – A Gerusalemme le indagini archeologiche realizzate sotto il Muro occidentale del Monte del Tempio – quella che oggi è la Spianata delle Moschee – portano alla luce porzioni di edifici che non risalgono al periodo del monarca Erode il Grande (che regnò tra il 37 e il 4 a.C.).

Gli archeologi, che hanno effettuato scavi accanto a un antico canale di drenaggio di Gerusalemme, ritengono di aver scoperto prove che contraddicono l’opinione comune che attribuisce (solo) ad Erode la costruzione del muro.

Lo scavo, per conto dell’Autorità israeliana delle antichità, è stato condotto sotto la via pavimentata che si trova nei pressi dell’Arco di Robinson (i resti di un’arcata chiamati così in onore dello studioso Edward Robinson, che li individuò nel 1838).

Lo storico ebreo Giuseppe Flavio, contemporaneo di Erode, scrisse che il sovrano si imbarcò nel progetto di ampliamento del recinto del Tempio nel diciottesimo anno del suo regno e ne parlò come «del più ambizioso progetto di cui si fosse mai sentito parlare al mondo».

Tra i recenti ritrovamenti, gli archeologi hanno scoperto tre lampade ad olio, di argilla, di un tipo molto comune nel primo secolo d.C. Ad esse si aggiungono 17 monete in bronzo il cui conio può essere identificato. Il dott. Donald Ariel, curatore della collezione numismatica dell’Autorità israeliana per le antichità, ritiene che quattro di quelle monete siano state coniate dal procuratore romano di Giudea Valerio Grato, nell’anno 17/18 d.C.

Secondo gli archeologi israeliani, questi manufatti, e il luogo in cui sono stati rinvenuti, dimostrano che l’Arco di Robinson, e probabilmente una porzione più lunga del Muro occidentale, furono costruiti dopo quell’anno, e cioè almeno vent’anni dopo la morte di Erode.

Essi ritengono quindi che questo dimostri che la costruzione delle mura del Monte del Tempio e dell’Arco di Robinson fosse parte di un progetto enorme che durò diversi decenni e non fu completato durante la vita di Erode.

Gli archeologi aggiungono che tutto ciò conferma anche le descrizioni di Giuseppe Flavio, secondo il quale fu solo durante il regno di Agrippa II – pronipote di Erode – che l’opera fu terminata e che a quel punto a Gerusalemme rimasero senza lavoro almeno ottomila-diecimila persone.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme
Una forma di vita secondo il Vangelo
Francesco Patton

Una forma di vita secondo il Vangelo

Schede di riflessione sulla Regola bollata per la formazione permanente in fraternità
L’ebreo di Nazaret
Frédéric Manns

L’ebreo di Nazaret

Indagine sulle radici del cristianesimo