Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Violenze sui cristiani in Egitto, parla il vescovo di Luxor

Carlo Giorgi
20 ottobre 2011
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Violenze sui cristiani in Egitto, parla il vescovo di Luxor
Il vescovo copto di Luxor, mons. Youhannes Ezzat Zakaria Badir.

«Abbiamo avuto nei giorni scorsi dei momenti difficili, al Cairo, a Luxor e in tutto l’Egitto. La situazione attuale del Paese non è buona e il rapporto fra cristiani e musulmani è peggiorata moltissimo. Abbiamo bisogno di preghiere». Sono accorate le parole di monsignor Youhannes Ezzat Zakaria Badir, vescovo dei cattolici copti di Luxor.


(Milano) – «Abbiamo avuto nei giorni scorsi dei momenti difficili, al Cairo, a Luxor e in tutto l’Egitto. La situazione attuale del Paese non è buona e il rapporto fra cristiani e musulmani è peggiorata moltissimo. Abbiamo bisogno di preghiere per dare bene la nostra testimonianza». Sono accorate e vibranti di preoccupazione le parole di monsignor Youhannes Ezzat Zakaria Badir, vescovo dei cattolici copti di Luxor, che riceviamo e volentieri pubblichiamo: «Le autorità governative, che attualmente sono rappresentate dalle forze armate – spiega monsignor Zakaria – non vogliono che i copti protestino o alzino la voce per rivendicare il diritto a una vita dignitosa, come quella garantita agli altri cittadini; e il diritto alla costruzione delle Chiese bruciate e distrutte dai fondamentalisti musulmani. Così, quando i copti hanno fatto la loro pacifica manifestazione, domenica 9 ottobre, davanti all’edificio della televisione al Cairo, le Forze armate hanno aperto il fuoco contro di loro».

«Il vero problema dell’Egitto – continua monsignor Zakaria – è che nelle forze armate si rafforza il peso dei fondamentalisti musulmani, il cui obiettivo è di cancellare la presenza dei copti in Egitto e dei cristiani nel Medio Oriente; ma con l’aiuto di Dio, i copti non lasceranno l’Egitto né i cristiani il Medio Oriente. Resteranno per testimoniare il Vangelo e vivere l’amore di Gesù, perdonando e amando i nostri fratelli musulmani».

Un’altra fonte, di cui non possiamo rivelare l’identità, ha raccontato a Terrasanta.net che dopo gli scontri di domenica, 18 corpi di ragazzi e ragazze cristiane sono stati raccolti sulla strada principale del Cairo, mentre altri 2 cadaveri sono stati tratti dalle acque del Nilo. «I 18 corpi sono stati portati al vicino ospedale copto – racconta la fonte – e sono stati stipati l’uno sull’altro, in una sala, sotto due ventilatori, non funzionando nessuna delle celle frigorifere. Al riconoscimento dei corpi da parte dei parenti, si è assistito a scene strazianti, grida orribili, attorno all’ospedale. A un tale che stava raccogliendo i corpi dilaniati, alcuni soldati hanno sparato dicendo: “Anche tu sei di quella razza di miscredenti”. Le cartucce trovate sul posto (dell’eccidio) appartenevano a quelle in dotazione all’esercito».

«Alcuni giornalisti egiziani hanno criticato nei loro articoli il massacro dei copti e hanno richiesto di fare chiarezza sul ruolo avuto dai militari – riprende monsignor Zakaria –. A seguito degli episodi di violenza, la Chiesa cattolica dell’Egitto ha lanciato un appello firmato dal cardinale Antonios Naguib. Tutti i cattolici dell’Egitto hanno partecipato da martedì 11 a giovedì 13 ottobre ai giorni di digiuno e preghiera promossi dal Sinodo della Chiesa copta ortodossa, per onorare i martiri del massacro e per chiedere a Dio di stabilire la vera pace in Egitto e nel mondo. Il 13, in tutte le chiese egiziane si è celebrata una veglia di preghiera, fino all’alba del giorno dopo, per ringraziare Dio per il dono della fede cristiana trasmessaci da san Marco evangelista nel primo secolo dopo la nascita e la risurrezione di Gesù Cristo. Una fede che venne vissuta, conservata e difesa con il sangue dei nostri antenati padri martiri, nei secoli passati, e ancora viene difesa dai nostri fratelli martiri nei giorni presenti, per manifestare l’unità di tutti i cristiani dell’Egitto e per incoraggiare la nostra fede in questo momento di dolore».

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Dante a piedi e volando
Marco Bonatti

Dante a piedi e volando

La Commedia come racconto di viaggio
Calendario di Terra Santa 2021 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2021 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico
Pagine da Nazaret – Seconda edizione
Charles de Foucauld

Pagine da Nazaret – Seconda edizione

Gli scritti spirituali del santo che amò il deserto
Almanacco filosofico

Almanacco filosofico

Pagine per un anno dai più grandi pensatori d'ogni tempo e latitudine