Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

«Gesù, mia gioia». È il canto di 4 mila giovani a Beirut

Carlo Giorgi, inviato
30 maggio 2011
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Si è svolto ieri, 29 maggio, presso la sede patriarcale di Bkerke, in Libano, l'incontro Gesù, mia gioia, il primo appuntamento giovanile nazionale promosso dalla Chiesa maronita. Circa 4 mila giovani si sono raccolti intorno a monsignor Béchara Raï, che, con la sua presenza, ha galvanizzato i giovani partecipanti.


(Beirut) – Si è svolto ieri, 29 maggio, presso la sede patriarcale di Bkerke, in Libano, l’incontro Gesù, mia gioia, il primo appuntamento giovanile nazionale promosso dalla Chiesa maronita. Circa 4 mila giovani provenienti da tutti gli angoli del Paese si sono ritrovati per una giornata di preghiera e festa, nel grande anfiteatro che fronteggia il palazzo del patriarca, sulla cima di una collina, a nord di Beirut.

Monsignor Béchara Raï, con la sua presenza per gran parte della giornata, ha galvanizzato i giovani partecipanti. Forse per noi europei, abituati ai meeting internazionali, ai raduni dei movimenti, alle veglie missionarie nei palazzetti dello sport, un incontro di 4 mila ragazzi potrà sembrare piccola cosa. Invece per i giovani cristiani del Libano si è trattato di un evento di tutto rilievo. E per diversi motivi: innanzitutto eventi di questo tipo in Libano mancano e i giovani hanno bisogno di ritrovarsi, darsi coraggio, ripartire con slancio nella vita della parrocchia e della nazione (attraversata da profonde incertezze politiche, economiche e sociali).

Il patriarca Raï sembra esserne convinto; tanto da decidere di «adottare» presso la sua sede la festa di ieri. Prima di quest’anno, infatti, l’incontro Gesù, mia gioia era l’appuntamento di un movimento giovanile nato nel 1997 e legato ai carmelitani libanesi. Col passare degli anni il meeting è cresciuto, dotandosi delle più svariate tecniche di animazione giovanile (maxi schermi con video, canti, danze, musica). Così il nuovo patriarca ha voluto trasformarlo in un evento per tutti i giovani cristiani libanesi. La giornata è stata trasmessa dalla rete televisiva Télé Lumière e dalla radio Voce della carità, emittenti le cui trasmissioni sono captate anche in diversi Paesi arabi circostanti.

Il patriarca Raï conosce bene l’importanza dei media per l’evangelizzazione; cura infatti da anni una trasmissione di catechesi per adulti proprio sulla stessa Télé Lumière. E attraverso antenne e parabole, l’evangelizzazione ha una possibilità in più: «Anni fa, proprio guardando il nostro meeting trasmesso da Télé Lumière, in Israele qualcuno ha avuto l’idera di replicare la festa Gesù, mia gioia – racconta padre Raffaele Zghein, sacerdote maronita da anni responsabile della manifestazione -. Sarebbe molto bello che questo evento potesse coinvolgere sempre più giovani cristiani in Medio Oriente». Alla giornata ha partecipato anche mons. Gabriele Caccia, nunzio apostolico in Libano.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Il libro delle preghiere che guariscono

Il libro delle preghiere che guariscono

Le parole che curano e consolano da tutte le fedi e le culture