Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

I dolori di Gerusalemme Est secondo un nuovo rapporto Onu

Terrasanta.net
4 aprile 2011
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
I dolori di Gerusalemme Est secondo un nuovo rapporto Onu
Una panoramica di alcuni quartieri di Gerusalemme Est. Al centro la valle del Cedron; sulla sinistra le mura della città vecchia; a destra le pendici del Monte degli Ulivi. (foto M. Gottardo)

L'Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (Ocha) competente per i Territori Palestinesi occupati ha pubblicato il 23 marzo scorso un rapporto su Gerusalemme Est. È il primo rapporto Onu redatto per fare il punto sulle conseguenze umanitarie delle politiche israeliane nei confronti dei residenti palestinesi.


(Milano/c.g.) – L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (Ocha) competente per i Territori Palestinesi occupati ha pubblicato il 23 marzo scorso un rapporto su Gerusalemme Est. Si tratta del primo rapporto Onu redatto con l’obiettivo di fare il punto «sulle conseguenze umanitarie – come recita la ricerca – delle politiche israeliane nei confronti dei residenti di Gerusalemme Est e sul crescente isolamento di Gerusalemme Est dal resto dei Territori Palestinesi».

Maxwell Gaylard, coordinatore delle Nazioni Unite per le attività umanitarie nei Territori, presentando il rapporto si è detto preoccupato: «La ricerca mette in evidenza la vulnerabilità nell’accesso a servizi di base come l’educazione e la salute dei palestinesi residenti – ha spiegato Gaylard -. Ma anche le difficoltà che hanno nell’esercitare il loro diritto a organizzare e sviluppare la vita di comunità e a vivere liberamente a Gerusalemme Est, che è parte integrante dei Territori Palestinesi Occupati. Gerusalemme Est rappresenta il centro della vita dei palestinesi – ha continuato Gaylard -. L’accesso alla città da ogni punto dei Territori è essenziale per mantenere viva la presenza dei palestinesi a Gerusalemme».

Il rapporto (strutturato in sei capitoli e più di cento pagine) riporta, oltre ad analisi generali sulle difficoltà di vita a Gerusalemme est, storie esemplari molto concrete di persone e comunità palestinesi. In particolare viene fatto il punto su alcuni importanti ambiti sensibili: il diritto alla residenza dei palestinesi e il fenomeno della demolizione delle case cosiddette «illegali»; il crescente numero di insediamenti israeliani in città; la costruzione delle barriere che impediscono un normale accesso all’abitato e le conseguenti restrizioni alla salute e all’educazione che i cittadini sono costretti a subire.

Nello specifico, la costruzione del cosiddetto «muro di sicurezza» che divide Gerusalemme Est dalla sua periferia, ha inciso fortemente sulla qualità di vita dei residenti: il rapporto spiega, ad esempio, come l’alta barriera in cemento armato abbia diviso Gerusalemme Est dal sobborgo di Bir Nabala. E come, per questo, l’economia della zona abbia subito un tracollo: a Bir Nabala l’affitto di una casa di 150 metri quadri, da prima a dopo la costruzione del muro, è passato da 350 a 150 dollari; il prezzo di un dunam di terreno (ovvero un decimo di ettaro) è passato da 100 mila a 50 mila dollari; il numero dei negozi è sceso da più di mille a meno di 500; e, infine, il tempo necessario a raggiungere la città vecchia è passato da 20 minuti a un’ora.

Tra le molte conseguenze che il progressivo isolamento di Gerusalemme Est si porta con sé, c’è anche la difficoltà di visitare i luoghi di culto da parte dei fedeli arabi musulmani e cristiani. Il rapporto Onu racconta nello specifico anche la disavventura accaduta, la Pasqua dello scorso anno, agli scout cristiani di Ramallah, un gruppo di 110 ragazzi dai 6 ai 30 anni: attraverso la locale parrocchia della Sacra Famiglia, gli scout avevano chiesto all’autorità israeliana i permessi per poter visitare Gerusalemme in occasione della Settimana Santa. Permessi che furono accordati per il periodo compreso tra il 24 marzo e il 7 aprile 2010. La domenica delle Palme, molto presto, gli scout si misero in viaggio per raggiungere Gerusalemme in tempo per la celebrazione. Tuttavia riuscirono ad arrivare a destinazione attraverso il check point di Zaytoun solo dopo le quattro del pomeriggio, a celebrazione quasi conclusa, dopo essere stati bloccati molto tempo inutilmente ai check point di Qalandia e a quello di Hizma.

Il rapporto si conclude ribadendo che, secondo il diritto internazionale, al governo israeliano, in quanto potenza occupante, è attribuita la responsabilità di soddisfare le necessità umanitarie dei palestinesi di Gerusalemme Est e del resto dei Territori.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme
Una forma di vita secondo il Vangelo
Francesco Patton

Una forma di vita secondo il Vangelo

Schede di riflessione sulla Regola bollata per la formazione permanente in fraternità
L’ebreo di Nazaret
Frédéric Manns

L’ebreo di Nazaret

Indagine sulle radici del cristianesimo