Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Monsignor Twal chiede preghiera e penitenza per la pioggia

Terrasanta.net
4 dicembre 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Monsignor Twal chiede preghiera e penitenza per la pioggia
(clicca sulla foto per lanciare il video)

Domenica 5 dicembre in tutte le parrocchie del patriarcato latino di Gerusalemme si eleveranno speciali preghiere a Dio per chiedere il dono della pioggia su una terra afflitta da una siccità che ormai perdura da anni. Venerdì 10, giornata di digiuno e penitenza per la stessa intenzione.


(Milano/g.s.) – Domani, domenica 5 dicembre, in tutte le parrocchie del patriarcato latino di Gerusalemme si eleveranno speciali preghiere a Dio per chiedere il dono della pioggia e la fine di una siccità che in Terra Santa si protrae ormai da anni.

Sulla scia di altri leader religiosi della regione il patriarca latino, mons. Fouad Twal, ha esortato i suoi a una mobilitazione spirituale con una lettera indirizzata ai parroci in cui scrive: « Da molto tempo non piove sulla nostra terra. La Chiesa è solita pregare quando i tempi sono difficili, per implorare la pietà del Signore e placare la sua collera a causa dei nostri peccati. Noi ci ricordiamo di ciò che successe col Profeta Elia, quando la Terra Santa patì sette anni di siccità. La preghiera del Profeta ottenne un miracolo e piovve abbondantemente».

Quindi l’arcivescovo dispone che la seconda domenica d’Avvento, il 5 dicembre appunto, si preghi particolarmente per questa intenzione e che il venerdì successivo (il 10) «sia un giorno di penitenza, durante il quale i fedeli digiunino o pratichino l’astinenza (dalla carne, dal fumo, o da altra cosa). Essi potranno anche visitare una chiesa e pregare».

Anche lo scorso 25 novembre, si è chiesto al Cielo il dono della pioggia durante il congresso annuale del Consiglio dei capi religiosi e degli esponenti di diverse confessioni religiose presenti in Israele, svoltosi nel centro internazionale dei neocatecumenali sulle colline che sovrastano a nord il Lago di Tiberiade.

Intanto la siccità non facilita l’opera di spegnimento del disastroso incendio che dalla sera del 2 dicembre ha già mandato in fiamme almeno 4 mila ettari di foresta sulle pendici del Monte Carmelo (in Galilea) causando anche 40 morti, decine di feriti e 17 mila sfollati.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"