Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Vaticano e Israele, un francobollo celebrativo

Terrasanta.net
15 novembre 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Vaticano e Israele, un francobollo celebrativo

Le Poste vaticane mettono in commercio oggi un francobollo che celebra il primo anniversario del pellegrinaggio di Benedetto XVI in Giordania, Israele e Territori Palestinesi (8-15 maggio 2009). La nuova emissione filatelica avviene per la prima volta in collaborazione con le Poste israeliane.


(Milano/g.s.) – Le Poste vaticane mettono in commercio oggi un francobollo che celebra il primo anniversario del pellegrinaggio di Benedetto XVI in Giordania, Israele e Territori Palestinesi (8-15 maggio 2009). La particolarità dell’iniziativa sta nel fatto che la nuova emissione filatelica avviene in collaborazione con le Poste israeliane. Il francobollo celebrativo si presenta quindi in due versioni: una in lingua ebraica e valuta israeliana (lo skekel), commercializzata in Israele, e una in lingua italiana e con valore espresso in euro, acquistabile in Vaticano.

Su entrambe le versioni sono rappresentate la basilica dell’Agonia, presso il giardino del Getsemani, e la Valle del Cedron, con i suoi ulivi millenari, dove il Papa celebrò l’unica Messa pubblica a Gerusalemme il 12 maggio. Nell’emissione vaticana è anche raffigurato Ratzinger che introduce un biglietto nel Muro Occidentale; quella israeliana mostra soltanto quel biglietto sullo sfondo del Muro, poiché la legge israeliana vieta di ritrarre sui francobolli persone ancora viventi.

L’idea di un francobollo comune risale al 2008, e nacque al Salone filatelico di Parigi, dove Israele era ospite d’onore, grazie all’incontro tra Yaron Razon, direttore del Servizio filatelico israeliano, e Mauro Olivieri, funzionario delle Poste Vaticane.

La felicità ai miei piedi
Marika Ciaccia

La felicità ai miei piedi

L'avventura di una trekker per caso
La via della Legge
Massimo Pazzini

La via della Legge

Midrash sul Salmo 119