Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Monsignor Franceschini: «Aiutateci. Siamo tutti Chiesa di Anatolia»

Terrasanta.net
14 giugno 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Al termine del rito funebre per mons. Luigi Padovese, questa mattina nel Duomo di Milano ha preso la parola mons. Ruggero Franceschini, anche lui vescovo cappuccino italiano in Turchia. Il presule ha esordito dicendo: «Non è il caso di fare l’elogio funebre. Chi ha versato il suo sangue non ha bisogno di parole e neanche di miracoli» Poi l'appello alla solidarietà per la comunità cristiana in Turchia.


(Milano/g.s.) – Al termine del rito funebre per mons. Luigi Padovese questa mattina nel Duomo di Milano ha preso la parola mons. Ruggero Franceschini, anche lui vescovo cappuccino italiano in Turchia e dal 2004 arcivescovo di Izmir (Smirne).

Il presule d’origini emiliane ha esordito dicendo: «Non è il caso di fare l’elogio funebre di mons. Padovese e raccontare al mondo quanto fosse buono, intelligente, mansueto e onesto. Chi ha versato il suo sangue non ha bisogno di parole e neanche di miracoli. Lo sapete bene voi e anche la sua Chiesa di Anatolia».

Franceschini – che era stato vicario apostolico d’Anatolia prima di Padovese e che dal 12 giugno ne è stato nominato amministratore apostolico dalla Santa Sede – ha continuato dicendo «hanno ucciso il pastore buono». Poi ha ricordato come nel suo pellegrinaggio cristiano, fra Luigi fosse prima diventato uno dei più competenti esperti dei padri della Chiesa vissuti nell’attuale Turchia, e poi avesse deciso di condividere paure e speranze di quella porzione di Chiesa oggi. Ai suoi cristiani – ha ricordato Franceschini – Padovese scriveva che tutti siamo chiamati alla testimonianza, anche se non a versare il proprio sangue, ma non ometteva di osservare che «tra tutti i Paesi di antica tradizione cristiana nessuno ha avuto tanti martiri come la Turchia».

All’uditorio l’arcivescovo cappuccino ha rivolto un appello alla solidarietà: la Chiesa d’Anatolia è troppo giovane, piccola e turbata per continuare da sola, ha detto. «Alle Chiese sorelle chiediamo vocazioni: in particolare sacerdoti, religiose e religiose per una missione difficilissima e senza sconti. Venite a vivere il Vangelo, venite ad aiutarci a vivere semplicemente. A chi si occupa di formazione: tenete aperta una finestra su questa Chiesa, su chi non ha neppure la libertà di gridare la propria pena. E così a chi si occupa di politica o di economia».

«Oggi – ha concluso Franceschini – siamo tutti Chiesa di Anatolia, Corpo del Signore martoriato, sofferente, ma risorto e glorioso».

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"