Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Ad Akko un nuovo centro israeliano di formazione al restauro. E l’Italia fa scuola

Simone Esposito
10 giugno 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Ad Akko un nuovo centro israeliano di formazione al restauro. E l’Italia fa scuola
Uno scorcio della palazzina che ad Akko ospita il Centro per il restauro «Città di Roma».

In quella che un tempo fu San Giovanni d’Acri è nato un nuovo ente israeliano per la formazione professionale di esperti nella conservazione e recupero dei beni culturali, artistici ed architettonici. Intitolato alla «Città di Roma», è co-finanziato dall'amministrazione capitolina e si avvarrà dell'esperienza di docenti italiani.


(Milano) – Si chiama «Città di Roma», ma si trova ad Akko, l’antica San Giovanni d’Acri, città marittima della Galilea occidentale il cui centro storico è stato dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’umanità. «Città di Roma» è il nome della nuova sede del Centro nazionale per il restauro, il nuovo ente israeliano deputato alla formazione professionale degli operatori della conservazione e del recupero dei beni culturali, artistici ed architettonici presenti in Terra Santa. Un territorio ad altissima densità di reperti ma fino ad oggi ancora sprovvisto di istituzioni professionalizzanti per restauratori e tecnici.

Il Centro, posto alle dipendenze della locale Sovrintendenza ai beni culturali, è stato intitolato a Roma grazie al patrocinio e al sostegno della Sovrintendenza capitolina, che ha finanziato il restauro della palazzina crociata-ottomana che ospita l’ente, e che sosterrà le attività del Centro con la propria consulenza. Il denaro utilizzato dal Comune di Roma per il finanziamento (trecentomila dollari) è, in un certo senso, israeliano: la somma era stata ricevuta dal Campidoglio lo scorso anno grazie al premio della fondazione Dan David, una realtà filantropica con sede a Tel Aviv.

A suggerire al sindaco di Roma, Gianni Alemanno, di destinare la cifra alla realizzazione del Centro di Akko è stato il sovrintendente ai beni culturali della capitale, Umberto Broccoli, che ha spiegato a Terrasanta.net: «Sapevo che al ministero dei Beni culturali i capodipartimento Pino Proietti e il restauratore Alessandro Bianchi stavano collaborando con Israele già da un po’. Allora ho chiesto al sindaco di impiegare i trecentomila dollari del premio per il restauro della palazzina crociata nella quale impiantare le attività della nuova istituzione».

Il Centro è stato inaugurato il 12 maggio scorso, alla presenza dei rappresentanti romani e delle istituzioni israeliane. Ma, adesso, quale sarà il ruolo della Sovrintendenza romana? Prosegue Broccoli: «Condivideremo con San Giovanni d’Acri quello che abbiamo di meglio: competenze ed esperienza. Invieremo i nostri docenti e restauratori. La richiesta espressa dagli israeliani è stata quella di aumentare la qualità del loro lavoro. Il direttore generale della Israel Antiquities Authority, Shuka Dorfman, me lo ha detto espressamente: “Noi vogliamo crescere e voi italiani, in questo campo, siete i migliori”. I nostri tecnici, quindi, saranno una sorta di ambasciatori culturali della città di Roma. E anche per noi sarà un’occasione di scambio e di miglioramento».

Concretamente, il ruolo dei restauratori italiani sarà formativo. Bisognerà attendere gli ultimi lavori di adeguamento della palazzina (un piano non è ancora pronto) e poi si comincerà subito con un seminario di studio. «Nel Centro – spiega ancora Broccoli – ci sono già una decina di operatori. La volontà israeliana è quella di aumentare i numeri, perché c’è una richiesta fortissima. In più, il restauro è un vero e proprio laboratorio simbolico di convivenza. Ad Akko lavorano già adesso restauratori ebrei ed arabi: mani di origini diverse, divise ideologicamente e politicamente, che però lavorano insieme per ricomporre, ricucire, sanare un oggetto danneggiato. Daremo il nostro contributo per sostenere questa esperienza concreta di dialogo».

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora