Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

29 dicembre, la basilica della Natività chiusa per lite

31/12/2009  |  Betlemme
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
29 dicembre, la basilica della Natività chiusa per lite
L'interno della basilica della Natività, a Betlemme. (foto S. Lee)

Il 29 dicembre per tradizione secolare a Betlemme è il giorno delle pulizie alla basilica della Natività: religiosi latini, armeni e greci ortodossi si trovano per espletare i lavori di spolvero delle pareti e di lavaggio del pavimento con una particolare miscela a base di petrolio. Un lavoro apparentemente ordinario, che spesso, però, dà adito a diverbi anche piuttosto accesi. Quest'anno la situazione è degenerata con particolare violenza, al punto da comportare la chiusura della basilica per tutto il giorno, tra le proteste dei pellegrini.


Il 29 dicembre per tradizione secolare a Betlemme è il giorno delle pulizie alla basilica della Natività: religiosi latini, armeni e greci ortodossi si trovano per espletare, secondo regole ben precise, i lavori di spolvero delle pareti e di lavaggio del pavimento con una particolare miscela a base di petrolio. Un lavoro apparentemente ordinario, che spesso però dà adito a diverbi anche piuttosto accesi tra i religiosi delle comunità che amministrano la basilica. Quest’anno la situazione è degenerata con particolare violenza. Già alle nove del mattino tra armeni e greco-ortodossi non c’è stato accordo sul numero di religiosi ai quali delegare il delicato compito di pulitura dell’area comune vicina alla grotta: si decide per sei rappresentanti per ognuna delle due comunità, ma via via che si procede al lavoro altri armeni e altri greci si aggiungono al gruppo originario facendo a gara ciascuno per essere il nucleo più numeroso.

Padre Ibrahim Faltas è presente come rappresentante della Custodia e assiste a questa crescente prova di forza: «A un certo punto sono arrivati ad essere cinquanta uomini armeni contro cinquanta greco-ortodossi e hanno iniziato a volare botte da orbi, a colpi di manici di scopa, mentre un centinaio di poliziotti sono intervenuti per dividere i contendenti. Sono state rotte numerose lampade, e, quel che è peggio, alcuni religiosi sono rimasti seriamente feriti (due con la gamba rotta son finiti all’ospedale) e il capo della polizia è uscito con un taglio profondo in testa. Un vero disastro!».
La rissa è durata qualche ora, poi è stata ricomposta, almeno all’apparenza, nel pomeriggio al tavolo dei francescani che, come tradizione, hanno invitato tutti a prendere il caffè al loro convento: «Si sono presentate comunque ambo le parti, armeni e greci, anche se tra loro evitavano di parlarsi».

Purtroppo non è la prima volta che a Betlemme scoppiano episodi di forte intolleranza tra i religiosi della basilica, ma lo scorso 29 dicembre «delle pulizie» è stato così violento da comportare la chiusura della basilica per tutto il giorno. Forti le proteste dei pellegrini, ai quali è stato impedito di recarsi alla grotta dove è nato Gesù: a decine i pullman che hanno bloccato la strada che porta alla celebre piazza della Mangiatoia. Anche i cristiani che dai Paesi confinanti avevano ottenuto il permesso di venire per un solo giorno in pellegrinaggio a Betlemme hanno visto sfumare un sogno accarezzato da tempo e per il quale avevano anche speso i loro risparmi.

Seguire Gesù
Matteo Crimella

Seguire Gesù

Sette meditazioni sul Vangelo di Luca
Semi di fraternità
Massimo Fusarelli

Semi di fraternità

Con Francesco nelle sfide del nostro tempo
In Terra Santa – nuova ed. brossura
Gianfranco Ravasi

In Terra Santa – nuova ed. brossura

Un pellegrinaggio spirituale