Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Una voce da Ramallah: entro due anni saremo un vero Stato

25/08/2009  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Una voce da Ramallah: entro due anni saremo un vero Stato

Con o senza l'approvazione di Israele l'Autorità Nazionale Palestinese (Anp) pare intenzionata a proclamare uno Stato sovrano palestinese entro due anni. Almeno stando a quanto ha ribadito oggi al quotidiano londinese The Times il primo ministro dell'Anp Salam Fayyad. Porre in essere una simile entità, in grado di funzionare adeguatamente, costringerebbe anche gli israeliani a riconoscerla. L'uomo politico palestinese ha auspicato che, da parte sua, il governo di Israele si impegni a congelare l'ampliamento degli insediamenti nei Territori, bloccando anche i nuovi cantieri già aperti.


(g.s.) – Con o senza l’approvazione di Israele l’Autorità Nazionale Palestinese (Anp) pare intenzionata a proclamare uno Stato sovrano palestinese entro due anni. Almeno stando a quanto ha ribadito oggi al quotidiano londinese The Times il primo ministro dell’Anp Salam Fayyad.

«Vogliamo essere intraprendenti – ha spiegato l’uomo politico – e accelerare la fine dell’occupazione (israeliana dei Territori) lavorando duramente per porre in essere realtà positive sul terreno, così da far emergere il nostro Stato come un’entità che non possa più essere ignorata. Questo è il nostro obbiettivo e intendiamo perseguirlo ostinatamente».

Uno Stato palestinese che esistesse di fatto e fosse dotato di un apparato di sicurezza funzionante, di servizi pubblici efficienti e di un’economia vivace non potrebbe più essere ignorato dagli isreliani che sarebbero costretti a mettere le carte in tavola e dimostrare se davvero vogliono por termine a quell’occupazione della Cisgiordania che ormai dura da 42 anni.

Fayyad ha auspicato che, da parte sua, il governo di Israele si impegni a congelare la crescita degli insediamenti nei Territori, bloccando anche i cantieri già aperti e sconfessando la linea, fin qui propugnata, che consente gli ampliamenti imposti dalla crescita naturale delle famiglie dei 300 mila coloni (si parla di 2.500 nuove unità abitative).

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Favole di pace
Mario Lodi

Favole di pace

Querida Amazonia
Giuseppe Buffon, Papa Francesco

Querida Amazonia

Testo integrale della Esortazione postsinodale e del Documento Finale del Sinodo speciale per l’Amazzonia
Il libro dell’amore
Sandro Carotta

Il libro dell’amore

Leggere il Cantico dei Cantici