Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Table to Table: sfamare i poveri in terra di Israele

15/07/2009  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
<i>Table to Table</i>: sfamare i poveri in terra di Israele
Un'immagine simbolica tratta dal sito Internet di Table to Table.

Sfamare quanti in Israele non hanno da mangiare, guidati dai precetti della Bibbia, andando a recuperare cibo che altrimenti verrebbe buttato via. È questa la sfida lanciata da Table to Table un'associazione no profit israeliana, che in pochi anni è cresciuta divenendo un importante «banco alimentare» della Terra Santa, al punto da garantire cibo a 180 enti benefici in tutta Israele e coinvolgere migliaia di volontari. Nel 2008 Table to Table ha garantito 600 mila pasti e 1.200 tonnellate di cibo dato a cucine di centri per anziani e giovani, rifugi per senza dimora in varie parti del Paese.


Sfamare quanti in Israele non hanno da mangiare, guidati dai precetti della Bibbia, andando a recuperare cibo che altrimenti verrebbe buttato via. È questa la sfida lanciata da Table to Table un’associazione no profit israeliana, che in pochi anni è cresciuta divenendo un importante «banco alimentare» della Terra Santa, al punto da garantire cibo a 180 enti benefici in tutta Israele e coinvolgere migliaia di volontari.

Nel 2008 Table to Table ha garantito 600 mila pasti e 1.200 tonnellate di cibo dato a cucine di centri per anziani e giovani, rifugi per senza dimora in varie parti del Paese. «La cosa incredibile – spiega Natalie Marxs, dello staff dell’associazione – è che facciamo tutto con cibo che altrimenti verrebbe buttato via».

Table to Table nasce nel 2003 da un’idea di Joseph Gilter, un professore universitario tornato definitivamente in Israele qualche anno prima e colpito dalla crescente povertà di alcuni strati della società israeliana. Così Gilter, decide di organizzare un gruppo di volontari e rimboccarsi le maniche, rifacendosi direttamente a grande patrimonio della cultura ebraica: nel 2006 nasce ad esempio, il progetto Leket, un termine preso dalla Torah che indica il comando dato agli ebrei di lasciare un decimo dei frutti dei propri campi in modo che i poveri se ne possano cibare. Così, oggi, circa 50 mila volontari di Table to Table raccolgono ogni anno i frutti lasciati apposta nei campi da una sessantina di grandi coltivatori israeliani. In alta Galilea l’associazione raccoglie 60 tonnellate di frutta e verdura a settimana, cibo rifiutato dalla grande distribuzione solo perché esteticamente imperfetto. Altre iniziativa è la Campagna Chamez, ovvero la raccolta del pane lievitato dopo la Pasqua. I volontari inoltre si occupano di raccolta diurna di cibo presso panetterie e ristoranti, così come di una raccolta «serale», ritirando il cibo avanzato da festeggiamenti e matrimoni organizzati da circa 200 società di catering e ristoranti convenzionati. Nel 2009 la crisi si fa sentire anche per Table to Table: la scarsità di denaro e lavoro comporta anche festeggiamenti meno sontuosi e minor cibo raccolto dai volontari. A questo si aggiunga una stagione più avara di piogge e una produzione di frutti inferiore al solito.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Sorella anima
David-Marc d’Hamonville

Sorella anima

Alla scoperta di una interiorità possibile
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe