Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Una guida insolita

Simone Esposito
27 aprile 2009
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Una guida insolita

Non è una guida, almeno non in senso classico. Non è un saggio. Non è nemmeno un reportage. L'autore lo definisce «una sorta di diario». Probabilmente, è un po' di tutto questo insieme, e qualcosa di più. È difficile appiccicare un'etichetta precisa a Terra Santa. Viaggio dove la fede è giovane, il libro di Giorgio Bernardelli appena pubblicato dall'Editrice Ave. Questa «guida anomala» è destinata a chi ha il gusto della domanda, e a chi non ha paura di lasciarsi cambiare dalla Parola vivente che rende «santa» quella terra.


Non è una guida, almeno non in senso classico. Non è un saggio. Non è nemmeno un reportage. L’autore lo definisce «una sorta di diario». Probabilmente, è un po’ di tutto questo insieme, e qualcosa di più. È difficile appiccicare un’etichetta precisa a Terra Santa. Viaggio dove la fede è giovane, il libro di Giorgio Bernardelli appena pubblicato dall’Editrice Ave.

Bernardelli, giornalista di Mondo e Missione, e prima ancora, per dieci anni, di Avvenire, firma su Terrasanta.net la rubrica «La porta di Jaffa». È, quindi, un conoscitore profondo e appassionato della realtà della Terra Santa. Proprio grazie a questa sua esperienza, l’autore racconta, lungo le pagine del libro, otto giorni di viaggio da Tel Aviv a Nevé Shalom-Wahat al-Salam, passando per Nazaret, il Tabor, Tiberiade, il Giordano, Gerusalemme e Betlemme. Ma è un racconto al presente, in presa diretta: perché il compagno di viaggio di Bernardelli è il lettore stesso. L’autore se ne prende cura, lo guida sulle strade complicate dei Luoghi santi, ma non si limita alle sole informazioni turistiche, ai dettagli da Lonely Planet, e nemmeno ai richiami storico-biblici. La scelta è quella di visitare una terra viva, abitata sì dalla storia, ma soprattutto dalla storia della Salvezza, e quindi fatta, insieme ai luoghi e agli edifici, dalle persone, dalle comunità, dalle fedi e dalle vicende sociali e politiche che oggi la rendono così unica.

Proprio per questo, l’itinerario proposto si allontana dai cliché del pellegrinaggio classico. A partire dalla scelta dei giorni: si parte di lunedì e si torna di lunedì, in barba a tutti i calcoli da risparmio delle ferie. Perché, spiega subito l’autore, «questo non è un viaggio come tutti gli altri. Ci sono luoghi che – accostati a certi giorni della settimana – parlano con una voce particolarmente nitida». Una logica rovesciata rispetto al solito: non il viaggio piegato alle esigenze del viaggiatore, ma il viaggiatore che asseconda le necessità del suo viaggio. In fondo, è la logica del pellegrino autentico. «È perfettamente inutile il mordi e fuggi che viene imposto ai viaggi in Terra Santa, perché dopo non rimane nulla, i sentimentalismi passano», scrive il Custode di Terra Santa padre Pierbattista Pizzaballa nella prefazione. «Ci vuole il coraggio di usare bene questi giorni, assaporando ciò che poi – al ritorno a casa – andrà a costituire un tesoro a cui attingere».

Per ricercare questo «tesoro», naturalmente, il pellegrino autentico non può camminare solo sui percorsi delle cartoline. Deve scegliere di guardare all’oggi, e di accorgersi di quello che c’è intorno alle basiliche e ai luoghi di spiritualità. Così, il viaggio di Bernardelli non chiude gli occhi davanti alle contraddizioni della Terra Santa odierna e alle sue ferite. Ma lo sguardo resta discreto: piuttosto che cercare risposte preconfezionate nel lungo elenco di luoghi comuni che perseguita questi luoghi, l’invito è a lasciarsi interrogare. Insomma: questa «guida anomala» è destinata a chi ha il gusto della domanda, e a chi non ha paura di lasciarsi cambiare dalla Parola vivente che rende «santa» questa terra.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
I più letti
I martiri di Marrakech
Filippo Sedda *

I martiri di Marrakech

Ma Gesù Bambino giocava?
fra Francesco Ielpo ofm

Ma Gesù Bambino giocava?

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Sorella anima
David-Marc d’Hamonville

Sorella anima

Alla scoperta di una interiorità possibile
Il volo di Nura
Paola Caridi

Il volo di Nura

L’ebreo di Nazaret
Frédéric Manns

L’ebreo di Nazaret

Indagine sulle radici del cristianesimo