Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il vescovo Dawani sul lavoro dell’ospedale anglicano di Gaza

10/01/2009  |  Gerusalemme
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Il vescovo Dawani sul lavoro dell’ospedale anglicano di Gaza
Suheil Dawani, vescovo della diocesi anglicana di Gerusalemme e del Medio Oriente, nel giorno dell'installazione ufficiale.

La diocesi anglicana di Gerusalemme e del Medio Oriente gestisce 11 presìdi sanitari nella Striscia di Gaza, in mezzo al milione e mezzo di residenti quasi tutti musulmani. Tra questi, l'ospedale Al Ahli Arab è attivo da oltre un secolo. In questi giorni di guerra - scrive Suheil S. Dawani, il vescovo anglicano di Gerusalemme - tutte le risorse dell'ospedale e le energie del personale sono messe a dura prova. Oltre agli altri pazienti, ogni giorno si presentano al nosocomio tra i 20 e i 40 feriti bisognosi di ricovero o interventi chirurgici. Un paziente su quattro è un minore. Il personale sanitario, che non può ricevere aiuti e rinforzi da fuori la Striscia, si sottopone a turni di lavoro massacranti e lavora al freddo perché i vetri delle finestre sono andati distrutti per le esplosioni.


(g.s.) – La diocesi anglicana di Gerusalemme e del Medio Oriente gestisce 11 presìdi sanitari nella Striscia di Gaza, in mezzo al milione e mezzo di residenti quasi tutti musulmani. Tra questi, l’ospedale Al Ahli Arab è attivo da oltre un secolo nel centro di Gaza City.

Già normalmente – scrive Suheil S. Dawani, il vescovo anglicano di Gerusalemme – l’ospedale lavora al massimo delle sue possibilità. In questi giorni di guerra a Gaza tutte le risorse e le energie del personale sono messe a dura prova. Oltre agli altri pazienti, ogni giorno si presentano al nosocomio tra i 20 e i 40 feriti bisognosi di ricovero o interventi chirurgici. Un paziente su quattro è un minore. Date le caratteristiche del conflitto in atto, fatto fin qui soprattutto di bombardamenti aerei, sono frequenti tra i feriti ustioni e traumi psicologici. Il personale sanitario, che non può ricevere aiuti e rinforzi da fuori la Striscia, si sottopone a turni di lavoro massacranti, racconta con ammirazione il vescovo Dawani in una lettera diffusa il 7 gennaio scorso.

L’ospedale è ormai a corto di materiale sanitario. Mancano persino bende, garze e farmaci contro le ustioni e i traumi. Molte finestre dell’edificio sono andate in frantumi per gli spostamenti d’aria causati dalle esplosioni e così personale e degenti si ritrovano al freddo. Alcuni generi primari, messi a disposizione dall’organizzazione US-Aid non hanno ancora potuto essere consegnati per la chiusura dei valichi. Tramite la Croce Rossa Internazionale, scrive il vescovo, è stato possibile solo far pervenire limitate scorte di carburante, necessario a far funzionare i gruppi elettrogeni dell’Al Ahli Arab.

«In un giorno "normale" – osserva Dawani – circa 600 camion portano provviste nella Striscia di Gaza. Molti di essi si muovono per iniziativa dell’Unrwa (l’agenzia Onu per l’assistenza ai profughi palestinesi – ndr) e di altre organizzazioni umanitarie che assistono la popolazione, due terzi della quale vivono in campi profughi della stessa Unrwa. In questi giorni di conflitto, un pari numero di camion non si è visto neppure in una settimana e più. A causa degli scarsi approvvigionamenti, medicinali e generi alimentari sono molto scarsi, semmai ci sono, per tutti i nostri fratelli e sorelle di Gaza».

Il vescovo anglicano conclude la sua lettera con un appello alla preghiera, espressioni di elogio per «l’eroico staff dell’ospedale Al Ahli» – che continua la sua missione anche quando la guerra colpisce direttamente i suoi familiari – e la richiesta di sostegno finanziario.

I blog

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La farmacia di Dio
Anna Maria Foli

La farmacia di Dio

Antichi rimedi per la salute, il buon umore, la bellezza e la longevità dalla tradizione monastica e francescana
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
Il volo di Nura
Paola Caridi

Il volo di Nura