Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Crisi delle case in Iran

24/04/2008  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

I progetti nucleari, l'opposizione all'esistenza dello Stato di Israele, lo scontro con le potenze occidentali che insistono per incrementare la produzione di greggio contro il caro-petrolio. L'Iran non ha solo queste spinose questioni all'ordine del giorno. Ci sono altri problemi, interni alla repubblica islamica, che procurano notti insonni al presidente Ahmadinejad. Le politiche economiche e finanziarie adottate negli ultimi anni hanno avuto pesanti conseguenze, soprattutto per gli alti livelli di inflazione ormai cronici. I dati ufficiali parlano di un tasso attorno al 16 per cento nel 2007, anche se quello percepito è ben più alto.


I progetti nucleari, l’opposizione all’esistenza dello Stato di Israele, lo scontro con le potenze occidentali che insistono per incrementare la produzione di greggio contro il caro-petrolio. L’Iran non ha solo queste spinose questioni all’ordine del giorno. Ci sono altri problemi, interni alla repubblica islamica, che procurano notti insonni al presidente Ahmadinejad. Quando è stato eletto, nel giugno del 2005, aveva promesso con non poca retorica di ridistribuire al popolo i profitti del petrolio (l’Iran è il secondo Paese produttore di greggio dell’Opec). Ma in realtà le politiche economiche e finanziarie adottate negli ultimi anni hanno avuto pesanti conseguenze, soprattutto per gli alti livelli di inflazione ormai cronici. I dati ufficiali parlano di un tasso attorno al 16 per cento nel 2007, anche se quello percepito è ben più alto.

Il settore immobiliare è una delle vittime di tale situazione. Negli ultimi 18 mesi si registra un vero e proprio boom dei prezzi delle abitazioni: nella capitale Teheran sono aumentati del 150 per cento. Ha pesato in primis il piano di prestiti, elaborato dal ministro del Lavoro e degli Affari sociali, Mohammad Jahromi, all’indomani dell’ascesa al potere di Ahmadinejad. A semplici cittadini e imprese sono stati erogati consistenti crediti con l’obbiettivo di creare nuovi posti di lavoro. La mancanza di una supervisione da parte degli esperti e la corruzione, da sempre piaga del Paese, hanno però portato alla circolazione di grandi quantità di denaro fuori controllo. E così, invece di finanziare investimenti per la collettività, la moneta è andata a finire nel mercato immobiliare, considerato il più sicuro. I prezzi delle case sono schizzati alle stelle, anche per la scarsità dei materiali di costruzione a disposizione nel Paese. Gradualmente è stato necessario anche «importare» manovali in nero dall’Afghanistan, sottopagati rispetto ai lavoratori iraniani.

Attualmente, secondo la commissione parlamentare per gli affari economici, mancano un milione e 600 mila abitazioni (questa la domanda di case). Ma l’Iran riesce a costruirne al massimo 600 mila in un anno. E come mettere a tacere il malcontento generato da questa cattiva gestione economica del governo e del presidente Ahmadinejad? Ancora una volta con la via della propaganda. Basti pensare che a marzo del 2007, quando la crescente inflazione ha costretto la banca centrale a stampare banconote di taglio più grande, per i nuovi biglietti è stato scelto un logo nucleare.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
I più letti
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Perché l’Europa ci salverà
Bartolomeo Sorge, Chiara Tintori

Perché l’Europa ci salverà

Dialoghi al tempo della pandemia
Tabor
Giulio Michelini

Tabor

Il mistero della Trasfigurazione
Abbecedario biblico
Francesco Patton

Abbecedario biblico

Nutrirsi delle Scritture dall'A alla Z