Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

Rifugiati iracheni. Crescono i problemi mentali

26/03/2008  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

I rifugiati iracheni in Libano e Giordania mostrano evidenti problemi psicologici. Lo rivela un recente rapporto dell'Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) condotto in collaborazione con l'Unicef e con alcune ong locali come la Lega della gioventù irachena e l'Unione delle donne giordane. Oltre la metà degli intervistati (scelti tra gli 800 membri di 200 famiglie irachene accolte tra il novembre 2007 e il gennaio 2008 in Giordania e Libano) mostrano gravi segni di disagio mentale come attacchi di panico, stati di rabbia e stanchezza, problemi di sonno e paura.


(c.g.) – I rifugiati iracheni in Libano e Giordania mostrano evidenti problemi psicologici. Lo rivela un recente rapporto dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) condotto in collaborazione con l’Unicef e con alcune ong locali come la Lega della gioventù irachena e l’Unione delle donne giordane.

Oltre la metà degli intervistati (scelti tra gli 800 membri di 200 famiglie irachene accolte tra il novembre 2007 e il gennaio 2008 in Giordania e Libano) mostrano gravi segni di disagio mentale come attacchi di panico, stati di rabbia e stanchezza, problemi di sonno e paura. I disagi poi sono di eccezionale gravità per coloro che hanno subito violenze dirette o sono stati testimoni di violenze (uccisioni di amici o di congiunti, torture o rapimenti); il 21 per cento dei rifugiati in Giordania e il 34 per cento dei rifugiati in Libano. Per loro, ad aggravare la situazione è anche la mancanza di prospettive che la vita da profughi offre alle famiglie in fuga; si registra un aumento preoccupante di violenze domestiche inflitte dall’uomo di casa, spesso disoccupato e incapace di mantenere la famiglia. Tra i bambini iracheni, la situazione di incertezza provoca casi di difficoltà di apprendimento e problemi di comportamento.

Il guaio è che, per via dello stigma sociale ancora forte nei Paesi arabi, sono pochi i rifugiati che, pur avendone bisogno, ricorrono a una assistenza psicologica specializzata. Non solo: i costi inarrivabili del servizio di assistenza mentale in Libano da una parte, e la mancanza di strutture sanitarie in Giordania dall’altra, contribuiscono al non accesso alle strutture sanitarie di chi ha bisogno. «Esiste una risposta ai bisogni materiali più elementari dei rifugiati – spiega Guglielmo Schinina, responsabile dell’ufficio psicosociale dell’Oim per il Medio Oriente -; avremmo urgentemente bisogno di qualcosa di simile anche per quanto riguarda la sfera psicologica».

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme
Una forma di vita secondo il Vangelo
Francesco Patton

Una forma di vita secondo il Vangelo

Schede di riflessione sulla Regola bollata per la formazione permanente in fraternità
L’ebreo di Nazaret
Frédéric Manns

L’ebreo di Nazaret

Indagine sulle radici del cristianesimo