Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Da Roma a Gerusalemme un solo grido: pace per la Terra Santa!

10/03/2008  |  Città del Vaticano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Da Roma a Gerusalemme un solo grido: pace per la Terra Santa!
Città del Vaticano. Benedetto XVI si accinge alla recita festiva dell'Angelus.

Anche ieri, 9 marzo, alla luce della cronaca degli ultimi giorni, il Papa è tornato a parlare di Terra Santa. Al termine dell'Angelus Benedetto XVI ha detto: «Nei giorni scorsi, la violenza e l'orrore hanno nuovamente insanguinato la Terra Santa, alimentando una spirale di distruzione e di morte che sembra non avere fine. Mentre vi invito a domandare con insistenza al Signore Onnipotente il dono della pace per quella regione, desidero affidare alla Sua misericordia le tante vittime innocenti ed esprimere solidarietà alle famiglie e ai feriti». Da Gerusalemme anche i leader delle Chiese cristiane chiedono pace in due lettere di condoglianze inviati alle autorità israeliane e palestinesi.


(g.s.) – Anche ieri, 9 marzo, alla luce della cronaca degli ultimi giorni, il Papa è tornato a parlare di Terra Santa. Al termine della preghiera domenicale dell’Angelus Benedetto XVI ha detto: «Nei giorni scorsi, la violenza e l’orrore hanno nuovamente insanguinato la Terra Santa, alimentando una spirale di distruzione e di morte che sembra non avere fine. Mentre vi invito a domandare con insistenza al Signore Onnipotente il dono della pace per quella regione, desidero affidare alla Sua misericordia le tante vittime innocenti ed esprimere solidarietà alle famiglie e ai feriti».

«Incoraggio, inoltre – ha proseguito il Papa -, le autorità israeliane e palestinesi nel loro proposito di continuare a costruire, attraverso il negoziato, un futuro pacifico e giusto per i loro popoli e a tutti chiedo, in nome di Dio, di lasciare le vie tortuose dell’odio e della vendetta e di percorrere responsabilmente cammini di dialogo e di fiducia».

«È questo – ha concluso Ratzinger – il mio auspicio anche per l’Iraq, mentre trepidiamo ancora per la sorte di sua eccellenza mons. Rahho e di tanti iracheni che continuano a subire una violenza cieca ed assurda, certamente contraria ai voleri di Dio».

Sulla recente crisi in Terra Santa – determinata dalla pioggia di razzi palestinesi sul territorio israeliano, dalle contromisure militari nella striscia di Gaza e dall’attentato del 6 marzo in una scuola rabbinica di Gerusalemme – sono intervenuti, il 7 marzo, anche i leader cristiani di Gerusalemme.

Lo hanno fatto inviando due distinte lettere di condoglianze firmate, a nome di tutti, dal patriarca greco-ortodosso Teofilo III, dal patriarca latino Michel Sabbah, dall’armeno Torkom Manooghian e dal Custode di Terra Santa, fra Pierbattista Pizzaballa.

Nella missiva indirizzata al primo ministro israeliano Ehud Olmert e al Gran Rabbinato i firmatari definiscono l’attentato del 6 marzo a Gerusalemme (costato la vita a 8 giovanissimi intenti allo studio delle Sacre Scritture) «un triste e tragico evento che emana dal ciclo di violenza di cui tutta la Terra Santa è vittima». Il testo prosegue con un appello e un impegno: «Chiediamo a voi, leader politici e religiosi di Israele, di trovare i modi per porre fine a ogni violenza. (…) A nome dei credenti che vivono in questa Terra riaffermiamo la nostra determinazione a lavorare per la pace e por fine alla violenza. Solo la pace è necessaria». «Preghiamo – conclude il messaggio – che Dio ci ispiri a percorrere le sue vie così da raggiungere una pace giusta e duratura, nella piena sicurezza per voi e per tutti».

La seconda lettera è diretta al presidente dell’Autorità nazionale palestinese, Mahmoud Abbas (noto come Abu Mazen) ed esprime le condoglianze per tutti coloro che sono morti a Gaza. «Condividiamo – dice la lettera – la tragedia del nostro popolo e di tutti coloro che sono esposti alla violenza». Poi continua: «La supplichiamo di fare tutto il possibile per trovare modi rapidi e opportuni per recuperare l’unità del popolo palestinese e per sanare le ferite, così che questa tragedia, di cui tutti siamo vittime, oggi più di ieri, giunga a termine. Ci associamo a lei con le nostre preghiere nel chiedere a Dio di ispirarla in modo efficace per raggiungere un accordo con le competenti Autorità israeliane capace di porre fine a ogni violenza, così come a lavorare per il raggiungimento della pace, nonostante le gravi difficoltà note a noi tutti».

La felicità ai miei piedi
Marika Ciaccia

La felicità ai miei piedi

L'avventura di una trekker per caso
La via della Legge
Massimo Pazzini

La via della Legge

Midrash sul Salmo 119