Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

La pace va in scena all’Arsenale

11/10/2006  |  Torino
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
La pace va in scena all’Arsenale
Due giovani mimi del Teatro Arcobaleno, compagnia composta da giovani ebrei e arabi dell'Alta Galilea.

Stanno di nuovo girando l'Italia con il loro Beresheet. Dopo alcune repliche nel parmense, il 10 ottobre lo spettacolo di mimi e danze dei ragazzi ebrei e palestinesi del Teatro Arcobaleno è andato in scena all'Arsenale della pace del Sermig di Torino. Ad accompagnarli, come sempre, la regista e fondatrice della compagnia, Angelica Calò Livné. Tra un pubblico attento e partecipe c'eravamo anche noi.


(c.t.) – Sono arrivati martedì sera 10 ottobre a Torino, dopo una settimana di tournée nei comuni del parmense: 14 giovani, israeliani e palestinesi, del Teatro Arcobaleno si sono esibiti all’Arsenale della pace del Sermig. Nella struttura in cui un tempo si costruivano armamenti è andata in scena la pace. Più che uno spettacolo hanno offerto un’esperienza di vita, dove l’accoglienza e il riconoscimento dell’altro nella sua diversità è accolto come ricchezza preziosa.

«Questi ragazzi arrivano dall’alta Galilea e il loro spettacolo non è mai fisso, cambia con l’esperienza vissuta dai protagonisti» spiega la regista Angelica Calò Livné «e quello di questa sera offre i segni della guerra di quest’estate, che è arrivata a casa di ognuno di noi. Abbiamo passato giorni e giorni chiusi nei rifugi e qui sono maturati i gesti e le parole che ora vanno in scena».

Lo spettacolo è particolarmente suggestivo: musica e mimi parlano il linguaggio universale dell’arte. Tutto è metafora, colori, luci, simboli… Tra questi si notano i simboli religiosi che sbucano dai costumi dei giovani attori: ebrei, cristiani e musulmani danzano insieme e lanciano un potente messaggio di armonia. L’odio e la chiusura all’altro è simboleggiato da una maschera sul volto, che cade man mano che cresce il dialogo e il riconoscimento del diverso.

Al termine della rappresentazione gli attori si siedono tutti sul palco e coinvolgono il pubblico in un botta e risposta che vuole lasciare un segno. I ragazzi ci tengono a spiegare il senso dello spettacolo: «il nostro è un teatro per prendere posizione, almeno con la danza e lo esportiamo perché altri coetanei, vedendoci, prendano coraggio nell’esporsi a difesa dei diritti e della pace».

Perché il titolo Beresheet («In principio»)? «Perché sono le prime parole della Bibbia e raccontano la creazione di un mondo in armonia dove l’uomo è chiamato ad essere collaboratore di Dio, capace di sviluppare i doni del Signore». Sono ragazzi disinvolti, che esprimono anche a parole quello che hanno capito e toccato con mano: «La violenza non porta da nessuna parte e non si vive più sicuri neanche in casa propria; costruiamo la pace e se andiamo controcorrente siamo felici di fare la strada insieme a tanti altri che hanno scelto questa via alternativa. La via della pace!»

 

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Il libro delle preghiere che guariscono

Il libro delle preghiere che guariscono

Le parole che curano e consolano da tutte le fedi e le culture