Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il Paese perduto

Laura Silvia Battaglia
16 marzo 2023
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Il Paese perduto
Sana’a, prima della guerra. Una veduta della animata piazza di Baab al-Mandab, ingresso della città vecchia. (foto L.S. Battaglia)

È una guerra taciuta, quella in Yemen, anche perché è campo di battaglia tra potenze regionali che mirano a sfruttare un Paese dalle coste strategiche per il controllo dei mari e dall’abbondanza di beni energetici.


La chiamano «la guerra dimenticata», ma è piuttosto una guerra taciuta: perché non ci sono testimoni e, quei pochi – giornalisti, attivisti – vengono arrestati, torturati, avvelenati, fatti saltare in aria da autobombe o muoiono sotto bombardamenti mirati. Ed è una guerra taciuta anche perché è campo di battaglia tra potenze regionali – Arabia Saudita, Iran, Emirati Arabi Uniti e, in misura minore, Egitto, Sudan, Kuwait, Qatar, Turchia, Oman – che profittano di rivalità e separatismi locali per sfruttare un Paese dalle coste strategiche per il controllo dei mari e dall’abbondanza di beni energetici non ancora pienamente esplorati. Intanto, dal marzo 2015 sono trascorsi ben otto anni e, nonostante più di sei mesi di tregua tra le parti in lotta nel 2022, si è tornati a uno stato di belligeranza, utile a fare crescere inflazione, mercato nero, povertà sempre più diffusa, estremismi ideologici, e nuove generazioni pronte all’odio e al combattimento. In un Paese dove la natalità è sempre in crescita, la mortalità altissima e le prospettive di vita molto basse, è oggi difficile riconoscere ciò che lo Yemen è stato prima del 2014: una culla di civiltà millenarie e convivenze religiose, uno dei luoghi più belli del mondo, con una compenetrazione rarissima tra paesaggio naturale e paesaggio umano, un Paese con una forte coscienza nazionale finalmente unificato. Qualsiasi cosa lo Yemen sarà dopo la guerra, non sarà più un solo Yemen e sarà sempre più difficile comprenderlo.

(Queste righe sono l’Introduzione al Dossier al centro della rivista Terrasanta)

 

Il sommario del Dossier:

Alle origini del conflitto

Tra gli ultimi ebrei di Sana’a

Cristiani, una fede vissuta pericolosamente

Una tragedia senza fine

Le mani sulle città. Intervista a Marco Livadiotti

Sana’a? Una città che sprofonda nel fango

 

Terrasanta 2/2023
Marzo-Aprile 2023

Terrasanta 2/2023

Il sommario dei temi toccati nel numero di marzo-aprile 2023 di Terrasanta su carta. Al centro il Dossier dedicato allo Yemen, alla sua storia recente e ai drammi del presente.

La Gerusalemme di Bologna
Beatrice Borghi

La Gerusalemme di Bologna

Una guida al complesso delle «Sette chiese» di Bologna ci conduce alla scoperta di uno dei luoghi più affascinanti, dal punto di vista storico e artistico, della città e dell’Italia intera, legato indissolubilmente alla Terra Santa.

Abbonamenti

Per ricevere la rivista Terrasanta (6 numeri all’anno) la quota d’abbonamento è di 32,00 euro. Disponibile, a 22,00 euro, anche la versione digitale in formato pdf.

Maggiori informazioni
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 al 2023.

Il file consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che interessano di più e individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Consulta l'indice
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2023.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
«Tu sei quell’uomo» (2Sam 12,7)

«Tu sei quell’uomo» (2Sam 12,7)

La narrazione al servizio della formazione e dell'annuncio
Gerusalemme. Città impossibile – nuova edizione
Meir Margalit

Gerusalemme. Città impossibile – nuova edizione

Le chiavi per capire l’occupazione israeliana
Colorexploring
Barbara Marziali, Sandra Marziali

Colorexploring

Il metodo per conoscere se stessi e illuminare i lati oscuri della vita