Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

La fede in tivù, oltre i luoghi comuni

fra Alberto J. Pari *
25 settembre 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
La fede in tivù, oltre i luoghi comuni
Fra Alberto J. Pari davanti alle telecamere.

La pandemia da coronavirus ha ridotto anche in Terra Santa le occasioni di incontro tra le persone. Per i frati sono venute meno molte possibilità di spiegare faccia a faccia a tanti interlocutori attenti gli aspetti cruciali del cristianesimo. Perché, allora, non ricorrere alla televisione?


I mesi che ci vedono protagonisti di una realtà anomala, quasi di vita sospesa, si allungano. In Terra Santa da metà marzo i confini sono bloccati e ogni attività con gruppi, pellegrinaggi e visite è stata interrotta. All’interno del Paese tutti gli incontri sono stati cancellati, personalmente non ho più potuto incontrare nessuno come avveniva abitualmente: giovani dell’esercito, universitari e gruppi di adulti curiosi di conoscere la realtà del cristianesimo e la vita dei frati.

Nel mio piccolo ho cercato comunque di tenere vivi i contatti e ho anche accettato di partecipare a qualche incontro di videoconferenze. La scorsa settimana ho però avuto la piacevole sorpresa di ricevere due inviti per un’intervista da parte di un giovane universitario che studia scienze religiose e culture comparate all’Università ebraica di Gerusalemme e da parte di un canale televisivo che si occupa di istruzione. Il giovane aveva bisogno di un aiuto per la stesura di un lavoro scritto sulla vita religiosa nella Chiesa cattolica e il programma televisivo dovrebbe realizzare una puntata per una serie per ragazzi in cui due investigatori vanno a incontrare dei personaggi che li aiutino a risolvere un enigma; la puntata in cui avranno bisogno del mio aiuto riguarderà il Vaticano, la Chiesa in generale e il Natale.

Mi sono chiesto se non ci sia il rischio di venir strumentalizzati quando si accetta di collaborare, in particolare, con radio e televisioni; non abbiamo infatti il controllo di come verranno usate le parole, le frasi, come verrà montato il video finale; così come non sappiamo come saranno formulati i concetti nel lavoro dell’intervista del giovane universitario. Ogni volta che mi imbatto in occasioni come queste chiedo ai miei interlocutori di avere rispetto e delicatezza: spesso per loro è la prima volta che si avvicinano al mondo cristiano e sono privi degli strumenti per comprendere a pieno la nostra cultura. Il vocabolario utilizzato ha quasi sempre bisogno di ampie spiegazioni, a partire dalle cose più semplici come «vocazione» e «chiamata», per passare a «voti» e arrivare a «sacramenti», «dogmi» e, infine, i concetti tremendamente difficili da spiegare in ebraico come «Trinità» e «transustanziazione».

Mi affascinano sempre la curiosità e la meraviglia negli occhi di chi ci incontra per la prima volta. È bello saperli consapevoli che il cristianesimo non si riduce a quel poco che hanno letto sui libri di scuola, spesso limitato a poche tristi associazioni di pensiero: inquisizione, antisemitismo e Shoah.

Per quanto riguarda il programma televisivo, siamo ancora in fase di preparazione, la troupe è venuta due volte a visitare il convento e la chiesa, per valutare la luce, gli spazi e la logistica. La data delle registrazioni è cambiata più volte per limitazioni chiusure imposte dallo Stato a causa della pandemia. E chissà se riusciremo a portare a termine il progetto. Ci sono grandi potenzialità: potremo raggiungere tante famiglie e ragazzi, con il lavoro del giovane universitario, ma soprattutto con la puntata del programma educativo. Immagino le tante persone che per la prima volta vedranno un frate che racconta del Vaticano e della Chiesa mentre si muove negli ambienti del convento, tutte cose che per la maggior parte degli israeliani di oggi sono realtà lontanissime. San Francesco saprà benedire e proteggere anche queste nuove forme di evangelizzazione e di dialogo moderno.

 

(* incaricato per il dialogo ecumenico e interreligioso, Custodia di Terra Santa, Gerusalemme)

Terrasanta 5/2020
Settembre-Ottobre 2020

Terrasanta 5/2020

Il sommario dei temi toccati nel numero di settembre-ottobre 2020 di Terrasanta su carta. Con un Dossier dedicato alla figura di san Girolamo, traduttore della Bibbia e asceta a Betlemme, a 1.600 anni dalla morte. Buona lettura!

Girolamo traduttore e asceta
(g.c.)

Girolamo traduttore e asceta

Nel dossier che vi presentiamo, cerchiamo di delineare un profilo di questo Padre della Chiesa ed evidenziamo la sua importanza nella trasmissione delle Scritture.

Betania, alla tomba dell’amico
Carla Benelli e Osama Hamdan

Betania, alla tomba dell’amico

La morte di Lazzaro, con il dolore di Marta e Maria e il sollecito intervento di Gesù, che gli era molto legato, è uno degli episodi più conosciuti dei Vangeli. Betania è stata fin dall’antichità luogo venerato dai pellegrini. Un progetto di recupero archeologico si propone anche di offrire alla comunità locale opportunità di sviluppo.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Holy Land. Archaeology on Either Side

Holy Land. Archaeology on Either Side

Archaeological Essays in Honour of Eugenio Alliata ofm
Calendario di Terra Santa 2021 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2021 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico
Pagine da Nazaret – Seconda edizione
Charles de Foucauld

Pagine da Nazaret – Seconda edizione

Gli scritti spirituali del santo che amò il deserto
Dante a piedi e volando
Marco Bonatti

Dante a piedi e volando

La Commedia come racconto di viaggio