Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Girolamo traduttore e asceta

(g.c.)
25 settembre 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Girolamo traduttore e asceta
Caravaggio, San Girolamo, 1605-1606, olio su tela, Galleria Borghese, Roma

Nel dossier che vi presentiamo, cerchiamo di delineare un profilo di questo Padre della Chiesa ed evidenziamo la sua importanza nella trasmissione delle Scritture.


Descrivere san Girolamo, non è impresa facile. Dalmata, di cultura enciclopedica ma portato all’ascetismo, si ritirò nel deserto presso Antiochia, culla del cristianesimo, vivendo in penitenza. Poi, divenuto sacerdote, iniziò un’intensa attività letteraria. A Roma fu collaboratore di papa Damaso, morto il quale si ritirò a Betlemme. Nel 386 san Girolamo si stabilì nei pressi della basilica della Natività con la nobile matrona romana Paola e altri seguaci, dedicandosi allo studio della Bibbia. A lui si deve la celebre versione latina (Vulgata), che divenne poi ufficiale nella Chiesa d’Occidente. Nel dossier che vi presentiamo, cerchiamo di delineare un profilo di questo Padre della Chiesa e della sua importanza nella trasmissione delle Scritture. Non a caso è considerato patrono di archeologi, bibliotecari, e traduttori. Morì nella celletta posta nelle grotte della Natività di Betlemme, dove aveva vissuto per lunghi anni come monaco eremita, il 30 settembre 420. Solo nell’ottobre di due anni fa, le reliquie del santo, trasportate a Roma presso Santa Maria Maggiore in epoca crociata, sono ritornate nella città che diede i natali a Gesù e che l’enciclopedico Girolamo aveva eletto a sua ultima e definitiva dimora.

(Queste righe introducono il Dossier di 16 pagine pubblicato nella rivista Terrasanta)

Terrasanta 5/2020
Settembre-Ottobre 2020

Terrasanta 5/2020

Il sommario dei temi toccati nel numero di settembre-ottobre 2020 di Terrasanta su carta. Con un Dossier dedicato alla figura di san Girolamo, traduttore della Bibbia e asceta a Betlemme, a 1.600 anni dalla morte. Buona lettura!

Betania, alla tomba dell’amico
Carla Benelli e Osama Hamdan

Betania, alla tomba dell’amico

La morte di Lazzaro, con il dolore di Marta e Maria e il sollecito intervento di Gesù, che gli era molto legato, è uno degli episodi più conosciuti dei Vangeli. Betania è stata fin dall’antichità luogo venerato dai pellegrini. Un progetto di recupero archeologico si propone anche di offrire alla comunità locale opportunità di sviluppo.

La fede in tivù, oltre i luoghi comuni
fra Alberto J. Pari *

La fede in tivù, oltre i luoghi comuni

La pandemia da coronavirus ha ridotto anche in Terra Santa le occasioni di incontro tra le persone. Per i frati sono venute meno molte possibilità di spiegare faccia a faccia a tanti interlocutori attenti gli aspetti cruciali del cristianesimo. Perché, allora, non ricorrere alla televisione?

Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2021.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
Abbonamenti

Per ricevere la rivista Terrasanta (6 numeri all’anno) la quota d’abbonamento è di 32,00 euro. Disponibile, a 22,00 euro, anche la versione digitale in formato pdf.

Maggiori informazioni
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 al 2021.

Il file consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Consulta l'indice
RICETTE D’ORIENTE – Le religioni a tavola
Anna Maria Foli

RICETTE D’ORIENTE – Le religioni a tavola

Le religioni a tavola
L’amaro l’offrite voi?
Bernardo De Luca

L’amaro l’offrite voi?

Avventori e avventure di un ristoratore romano a Roma
Il Presepe nell’arte – II edizione
Rosa Giorgi

Il Presepe nell’arte – II edizione

Viaggio nell’iconografia della Natività