Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Una casa serena per una nuova vita

Elena Lea Bartolini De Angeli
23 marzo 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Il progetto dell’associazione Beit haShanti, «Casa di pace/serenità», fondata circa trent’anni fa per aiutare ragazzi e ragazze israeliani abbandonati e senza casa. L’associazione offre ospitalità e, soprattutto, calore famigliare.


La tradizione ebraica ha sempre sostenuto l’importanza di valori come la solidarietà e la giustizia, considerati indispensabili per l’equilibrio sociale e il benessere di tutti, per questo insegna che «il mondo si regge su tre cose: sulla Torah – l’insegnamento divino rivelato al Sinai – sul servizio divino e sulle opere di bene» (Mishnah, Avoth I,2). In questa prospettiva si collocano sia l’amore per il prossimo (cfr Lv 19,18) che l’attenzione alle fasce sociali più deboli e alle situazioni di disagio e di emarginazione, come il progetto dell’associazione Beit haShanti, «Casa di pace/serenità», fondata da Mariuma circa trent’anni fa per aiutare ragazzi e ragazze abbandonati e senza casa. L’associazione, che opera attraverso due strutture – una casa a Tel Aviv e un villaggio nel deserto del Neghev – offre non solo ospitalità e accoglienza ma soprattutto calore famigliare: «Alla Beit haShanti i ragazzi capiscono che non sono stati abbandonati ma che sono invece stati trovati; non sono vittime ma persone che hanno conquistato la libertà iniziando il viaggio per salvare le loro vite».

Così descrive l’attività associativa la fondatrice Mariuma in un’intervista rilasciata ad Ilaria Myr per il Bollettino della Comunità Ebraica di Milano (Novembre 2015), alla quale racconta la sua storia e la decisione di dedicare la vita al sostegno degli emarginati: dopo un’infanzia e un’adolescenza difficili, terminato il servizio militare, decide di convivere con il suo ragazzo in un sobborgo periferico e malfamato di Tel Aviv; nel 1984, a vent’anni, scopre di essere incinta e decide di dare una svolta positiva alla sua vita: comincia ad aprire il suo appartamento a chi ne ha bisogno soprattutto in occasione delle festività ebraiche e, nel giro di poco tempo, una settantina di ragazzi in difficoltà si stabiliscono nel suo cortile e lì ritrovano una casa, qualcuno disponibile ad ascoltarli e ad accoglierli. È proprio in quel momento che nasce il nome Shanti: una ragazza appena tornata dall’India le dice: «Qui mi sento così shanti, che in hindi significa “in pace”, cioè “serena”». Poche ore dopo un ragazzo scrive sul muro di casa «Benvenuti nella Beit haShanti», cioè nella «Casa dove si è in pace, sereni», nome che da allora non è stato più cambiato. Qualche tempo dopo Mariuma ospita una ragazza vittima di violenza sessuale e, per la prima volta, condivide con lei la stessa atroce esperienza vissuta a 17 anni e mai raccontata, inoltre capisce il senso di quanto fatto fino a quel momento e della sua missione. Da allora ha accolto e salvato nelle sue due strutture associative più di 40 mila ragazzi in Israele provenienti da qualsiasi livello sociale, religioso e culturale, offrendo rifugio sia a breve che a lungo termine, assistenza psicologica, attività ricreative ma soprattutto l’atmosfera di una casa: «Ragazzi e ragazze arrivano nella nostra casa rifiutati, traumatizzati emozionalmente, senza il calore di una casa, abusati mentalmente e sessualmente. Da noi si integrano nella vita sociale, frequentano le scuole locali, vanno al servizio militare e in molti casi frequentano l’università. Riescono, insomma, a costruirsi una vita normale».

Un modello terapeutico che può essere adottato ovunque, perché quello del calore di una casa e di una famiglia è un bisogno universale, senza alcuna distinzione, che Mariuma porta avanti nell’orizzonte di un noto insegnamento tradizionale: «Chi salva una vita salva il mondo intero» (Talmud Babilonese, Sanhedrin 37a).

Terrasanta 2/2016
Marzo-Aprile 2016

Terrasanta 2/2016

Eccovi il sommario dei temi toccati nel numero di marzo-aprile 2016 di Terrasanta su carta. Tutti i contenuti, dalla prima all’ultima pagina, ordinati per sezioni. Buona lettura!

padre Frans Bouwen

Gregorio di Narek santo ecumenico

Come può la Chiesa cattolica proclamare dottore della fede qualcuno che appartenne a una Chiesa separata? Un gran numero di studi storici e teologici hanno aperto la strada.

Sport in Medio Oriente
Carlo Giorgi

Sport in Medio Oriente

Il dossier di questo numero è dedicato allo sport in Medio Oriente, e in particolare alla corsa, come occasione di pace e libertà. Alcuni degli atleti di cui parliamo su queste pagine saranno in agosto alle Olimpiadi di Rio de Janeiro.

fra Mamdouh Chéhab Bassilios ofm

L’obolo della vedova in salsa egiziana

Il presidente al-Sisi ha chiesto ai cittadini un contributo economico volontario. A questo appello alla solidarietà nazionale, gli egiziani, in patria e all’estero, hanno risposto superando ogni aspettativa.

Il tesoro del Califfo
don Gianantonio Urbani *

Il tesoro del Califfo

Nei pressi del porto di Cesarea Marittima (Israele) è venuto alla luce uno straordinario tesoro di monete d’oro risalenti al periodo fatimide. La scoperta permette di cogliere meglio le relazioni commerciali del Califfato in quell’area attorno all’anno mille.

Giuseppe Caffulli

Profughi, Turchia e sconfitte politiche

L'Europa che chiude le frontiere ai profughi si affida alla Turchia di Erdogan per tenere gli indesiderati fuori dalle sue porte. E il "sultano di Istanbul" ritrova un ruolo cruciale.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
Sorella anima
David-Marc d’Hamonville

Sorella anima

Alla scoperta di una interiorità possibile
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe