Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Profughi, Turchia e sconfitte politiche

Giuseppe Caffulli
23 marzo 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

L'Europa che chiude le frontiere ai profughi si affida alla Turchia di Erdogan per tenere gli indesiderati fuori dalle sue porte. E il "sultano di Istanbul" ritrova un ruolo cruciale.


Che in Turchia ci fosse una bomba pronta ad esplodere, lo si sapeva da tempo. Mentre l’opinione pubblica italiana era tutta presa dagli sbarchi sulle coste nostrane, e quella internazionale viveva annichilita lo spettro del terrorismo di stampo fondamentalista (basta evocare la strage del Bataclan a Parigi del novembre scorso per capire di cosa stiamo parlando), in Turchia e sulla cosiddetta rotta balcanica si consumava il tragico destino di decine di migliaia di profughi in fuga da un conflitto, quello siriano, che ridotto il Paese ad un cumulo di macerie, mietendo 270 mila morti e milioni di profughi e sfollati.

Ogni giorno in Europa arrivano circa 2 mila profughi da Siria, Iraq e Afghanistan. Si era tentato di trovare una soluzione con un regime di quote (rigettate da gran parte dei Paesi). Nell’ottobre scorso l’Europa aveva stabilito che 160 mila rifugiati sarebbero stati ricollocati secondo un piano condiviso; ad oggi solo 700 hanno trovato accoglienza (lo 0,4 per cento del totale): le resistenze in seno ai Paesi non hanno permesso di fare di più. La mancanza di fondi (o la mancanza di volontà nel reperirli) ha poi gettato decine di migliaia di persone nell’indigenza più assoluta. Tutti abbiamo negli occhi le immagini di Idomeni, in Grecia, dove bambini, donne e uomini vivono sotto tende di fortuna, al freddo e nel fango. In attesa di poter partire verso una vita nuova che è diventata un vero e proprio miraggio.

E mentre il blocco orientale dell’Unione ha innalzato nuovi muri per impedire gli ingressi di queste orde di disperati – e perfino Svezia e Danimarca chiudono i confini – all’Europa non è restato che guardare nuovamente a Istanbul, rimettendo nelle mani del presidente Erdogan una qualche possibile soluzione ad una situazione divenuta insostenibile.

Al «sultano» di Istanbul (città di cui è stato a lungo sindaco) non sarà sembrato vero di poter dare nuovamente le carte in una partita che lo ha visto spesso protagonista. Non possono essere dimenticate le responsabilità di Ankara nel contesto della crisi siriana, fiancheggiando gli oppositori di Bashar al Assad e favorendo l’ingresso nel territorio siriano delle milizie fondamentaliste sunnite prima; lucrando infine sui traffici petroliferi dello Stato Islamico.

Ma di fronte all’impotenza europea, ecco allora il compromesso, perfezionato il 18 marzo scorso: in cambio di uno stop al flusso di profughi, l’Europa ha accettato di raddoppiare la cifra destinata al governo turco (6 miliardi di euro invece di 3). È previsto inoltre un programma più snello di visti d’ingresso per i cittadini turchi nei Paesi Ue e l‘introduzione di un sistema di scambio di rifugiati. In pratica: per ogni migrante respinto oltre l’Egeo, potrà essere ammesso un siriano richiedente asilo. Ma, soprattutto, l’Europa ha promesso di garantire ad Ankara un’accelerazione del processo di valutazione relativo all’ingresso della Turchia nell’Unione Europea. Un risultato che, per la gran parte dell’opinione pubblica europea, non sarebbe affatto da perseguire.

Insomma, i profughi in fuga da povertà e guerre vengono strumentalizzati e usati da Ankara come arma politica, merce di scambio per ottenere vantaggi. Una sconfitta politica per l’Unione Europea, più divisa che mai, dove, per tacitare l’opinione pubblica interna sempre più tentata da derive xenofobe e identitarie, diritti umani e dignità dell’uomo sembrano ormai valori da mandare in soffitta.

Terrasanta 2/2016
Marzo-Aprile 2016

Terrasanta 2/2016

Eccovi il sommario dei temi toccati nel numero di marzo-aprile 2016 di Terrasanta su carta. Tutti i contenuti, dalla prima all’ultima pagina, ordinati per sezioni. Buona lettura!

Elena Lea Bartolini De Angeli

Una casa serena per una nuova vita

Il progetto dell’associazione Beit haShanti, «Casa di pace/serenità», fondata circa trent’anni fa per aiutare ragazzi e ragazze israeliani abbandonati e senza casa. L’associazione offre ospitalità e, soprattutto, calore famigliare.

padre Frans Bouwen

Gregorio di Narek santo ecumenico

Come può la Chiesa cattolica proclamare dottore della fede qualcuno che appartenne a una Chiesa separata? Un gran numero di studi storici e teologici hanno aperto la strada.

Sport in Medio Oriente
Carlo Giorgi

Sport in Medio Oriente

Il dossier di questo numero è dedicato allo sport in Medio Oriente, e in particolare alla corsa, come occasione di pace e libertà. Alcuni degli atleti di cui parliamo su queste pagine saranno in agosto alle Olimpiadi di Rio de Janeiro.

fra Mamdouh Chéhab Bassilios ofm

L’obolo della vedova in salsa egiziana

Il presidente al-Sisi ha chiesto ai cittadini un contributo economico volontario. A questo appello alla solidarietà nazionale, gli egiziani, in patria e all’estero, hanno risposto superando ogni aspettativa.

Il tesoro del Califfo
don Gianantonio Urbani *

Il tesoro del Califfo

Nei pressi del porto di Cesarea Marittima (Israele) è venuto alla luce uno straordinario tesoro di monete d’oro risalenti al periodo fatimide. La scoperta permette di cogliere meglio le relazioni commerciali del Califfato in quell’area attorno all’anno mille.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta (fino al 2005 La Terra Santa) compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Una nuova strada
Cristiana Dobner

Una nuova strada

Carlo Maria Martini, gli Esercizi e la Parola
Grecia

Grecia

Luoghi cristiani e itinerari paolini
Il libro della vita
Alberto Mello

Il libro della vita

Leggere i Salmi
Preferivo le cipolle
Giorgio Bernardelli

Preferivo le cipolle

Dieci obiezioni (da sfatare) a un viaggio in Terra Santa