Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

L’obolo della vedova in salsa egiziana

fra Mamdouh Chéhab Bassilios ofm
23 marzo 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Il presidente al-Sisi ha chiesto ai cittadini un contributo economico volontario. A questo appello alla solidarietà nazionale, gli egiziani, in patria e all’estero, hanno risposto superando ogni aspettativa.


Non si può negare che le due rivoluzioni avvenute in Egitto (l’autore si riferisce alla Primavera araba del 2011 e alla destituzione del presidente Morsi nel giugno 2013 – ndr) abbiano causato tanti danni a livello sociale. La crisi è più che ovvia anche all’interno delle famiglie. Alcuni settori, quali il turismo, sono stati colpiti tanto duramente che gli operatori e le guide egiziane sono praticamente senza lavoro dal 25 gennaio 2011. La maggior parte delle guide turistiche ha dovuto addirittura cambiare mestiere, restituendo al sindacato il tesserino professionale. Per non parlare poi del settore alberghiero, dei trasporti aerei, della navigazione croceristica sul Nilo, della ristorazione…

Di fronte a questa situazione il presidente al-Sisi, il 24 giugno del 2014, iniziando il suo mandato, aveva deciso di devolvere la metà del suo stipendio mensile (42 mila lire egiziane, circa 5 mila euro) in favore del Paese. Inoltre, aveva disposto una donazione dal suo patrimonio (anche qui si dice circa la metà dell’ammontare complessivo) invitando tutti gli egiziani a fare altrettanto, per contribuire anche con le proprie risorse alla grave crisi finanziaria.

Nel 2014, precisamente il primo luglio, la presidenza della Repubblica annunciava l’istituzione della cassa tahya masr («Viva l’Egitto») per sostenere l’economia nazionale, vincere le circostanze difficili in cui vive il Paese e consolidare la giustizia sociale.

Ma perché questa cassa non fosse ad «uso privato», è stata nominata una commissione composta dall’imam di al-Azhar, lo sceicco Ahmad al-Tayyib, dal patriarca copto-ortodosso Tawadros e da Hisham Ramiz nella qualità di governatore della Banca centrale egiziana

Per evitare al Paese di rivivere l’amara esperienza sperimentata con i Fratelli Musulmani, che raccoglievano fondi senza il controllo di alcuna autorità nazionale, al Sisi ha posto la cassa sotto il pieno controllo dell’organismo centrale della contabilità al fine di poter seguire le varie operazioni in un quadro di trasparenza e credibilità.

A questo appello alla solidarietà nazionale, gli egiziani sia in patria che all’estero hanno risposto superando ogni aspettativa. Su Internet, in vari siti istituzionali, sono riportati gli elenchi sia dei donatori sia le varie destinazioni di questa raccolta fondi. La cosa che stupisce è che, mentre i nostri cittadini, come i loro simili in qualsiasi parte del mondo, cercano di fuggire dal pagare le tasse, questi stessi cittadini si sono precipitati a donare, e di cuore, le loro offerte per il bene del Paese.

Visto il successo di questa raccolta fondi, il presidente ha lanciato un’altra iniziativa. Si chiama Sabbah ‘ala Masr («Buongiorno Egitto»). In cosa consiste? Su 90 milioni egiziani, almeno dieci milioni possiede un cellulare. Inviando un sms ad un numero particolare, è possibile donare da una a cinque lire egiziane. Soldi che entrano automaticamente nella cassa Tahya Masr. Anche in questo caso il risultato è stato significativo, permettendo a tanti di contribuire con una sorta di «obolo della vedova».

In passato diverse campagne di raccolta erano state tentate, ma senza grandi risultati. Se da un lato è vero che l’Egitto prova a reggersi con le sue proprie forze e la sua compattezza, e non tanto grazie alla politica, è pur vero che queste iniziative di raccolta fondi sostenute dalla presidenza sono un piccolo segnale della popolarità e della presa sull’opinione pubblica di cui gode ancora oggi al-Sisi.

Terrasanta 2/2016
Marzo-Aprile 2016

Terrasanta 2/2016

Eccovi il sommario dei temi toccati nel numero di marzo-aprile 2016 di Terrasanta su carta. Tutti i contenuti, dalla prima all’ultima pagina, ordinati per sezioni. Buona lettura!

Elena Lea Bartolini De Angeli

Una casa serena per una nuova vita

Il progetto dell’associazione Beit haShanti, «Casa di pace/serenità», fondata circa trent’anni fa per aiutare ragazzi e ragazze israeliani abbandonati e senza casa. L’associazione offre ospitalità e, soprattutto, calore famigliare.

padre Frans Bouwen

Gregorio di Narek santo ecumenico

Come può la Chiesa cattolica proclamare dottore della fede qualcuno che appartenne a una Chiesa separata? Un gran numero di studi storici e teologici hanno aperto la strada.

Sport in Medio Oriente
Carlo Giorgi

Sport in Medio Oriente

Il dossier di questo numero è dedicato allo sport in Medio Oriente, e in particolare alla corsa, come occasione di pace e libertà. Alcuni degli atleti di cui parliamo su queste pagine saranno in agosto alle Olimpiadi di Rio de Janeiro.

Il tesoro del Califfo
don Gianantonio Urbani *

Il tesoro del Califfo

Nei pressi del porto di Cesarea Marittima (Israele) è venuto alla luce uno straordinario tesoro di monete d’oro risalenti al periodo fatimide. La scoperta permette di cogliere meglio le relazioni commerciali del Califfato in quell’area attorno all’anno mille.

Giuseppe Caffulli

Profughi, Turchia e sconfitte politiche

L'Europa che chiude le frontiere ai profughi si affida alla Turchia di Erdogan per tenere gli indesiderati fuori dalle sue porte. E il "sultano di Istanbul" ritrova un ruolo cruciale.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta (fino al 2005 La Terra Santa) compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme
Una forma di vita secondo il Vangelo
Francesco Patton

Una forma di vita secondo il Vangelo

Schede di riflessione sulla Regola bollata per la formazione permanente in fraternità
L’ebreo di Nazaret
Frédéric Manns

L’ebreo di Nazaret

Indagine sulle radici del cristianesimo