Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

Quegli angeli dalle ali d’argento

fra Eugenio Alliata ofm
21 gennaio 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Sono in corso da mesi i restauri della basilica della Natività a Betlemme. All’interno, tra i lavori più impegnativi, c’è la pulizia e il restauro dei mosaici sulle pareti, che sono di epoca crociata.


La basilica della Natività a Betlemme ha presentato ancora quest’anno ai pellegrini il suo aspetto di cantiere. La ditta italiana prescelta per l’impresa (la Piacenti di Prato) prosegue i lavori servendosi di professionisti esperti di volta in volta nelle diverse arti del legno, della pietra, della pittura, del mosaico. Terminata con successo la riparazione dei tetti, si è passati alle murature ponendo rimedio allo stato di precarietà riscontrato in più parti dell’edificio. Il nartece, soprattutto, potrà essere liberato dai sostegni lignei collocati ormai quasi ottanta anni fa, durante il mandato britannico sulla Palestina. Le volte sono state rinforzate e il peso grava meno sulle murature antiche. I contrafforti medioevali che appesantiscono e oscurano la facciata esterna non sarebbero adesso più necessari ma non si vorrebbe modificare l’aspetto tradizionale dell’ingresso.

All’interno, tra i lavori più impegnativi, c’è la pulizia e il restauro dei mosaici sulle pareti, che sono di epoca crociata. Procedendo a questo lavoro le scaffalature sono discese più in basso e coprono tutti i lati. Nella seconda metà dell’Ottocento con la stesura di un fine intonaco bianco erano state praticamente riquadrate solo le parti meglio conservate della decorazione musiva. Dopo un’indagine preliminare, condotta con mezzi tecnologici avanzati che hanno individuato la presenza di porzioni nascoste del mosaico, si è deciso di riportare alla luce le opere. Una ripulitura occasionale, condotta circa venticinque anni fa, aveva già fatto scoprire lungo la fila di angeli adoranti, che si alternano tra le grandi finestre del claristorio settentrionale, una breve iscrizione siriaca accanto a quella già nota in lingua latina di Basilius pictor. Coi nuovi lavori la serie degli angeli si è potuta arricchire di un personaggio supplementare, la cui figura è apparsa quasi completa, con danni, ma riparabili. In molti posti, aprendo l’intonaco, si sono recuperate diverse linee di tessere, con decorazioni nascoste, porzioni di scena, elementi magari non essenziali ma comunque preziosi. Si restituiscono così all’opera contorni più frastagliati, ma meno artificiali. Con la ripulitura accurata tutto il rimanente riacquista la bellezza originaria. Riappare lo splendore dei fondi dorati, dei variegati verdi nel fogliame, di tanti diversi colori nelle rappresentazioni architettoniche, arricchite con una varietà di elementi madreperlacei che riflettono la luce nella loro unica e speciale maniera.

Con una certa sorpresa è stata notata la presenza nel mosaico di un tipo speciale di tessere vitree che conferiscono una colorazione del tutto particolare alle ali degli angeli ciascuno dei quali si presenta in una simile posizione. Il loro movimento è verso la grotta con un’ala ancora spiegata in volo mentre l’altra è solo parzialmente ripiegata indietro, così come fanno gli uccelli in natura nel momento in cui si posano al suolo. Il colore delle penne delle loro ali, praticamente indistinguibile prima del restauro, appare ora di vivissimo argento per il fatto che ogni singola tessera vitrea è in realtà confezionata con una sottilissima lamina di questo metallo appena sotto la superficie.

Non poche delle figure angeliche presentavano poi un ampio sfiguramento del volto evidentemente prodotto nel passato, come sappiamo anche da testimonianze contemporanee, dal piombo ostile degli archibugi turchi. Almeno due di tali proiettili costituiscono, per così dire, la prova del delitto, essendo stati rinvenuti in situ dagli stessi restauratori incaricati di ricomporre, a linee più tenui, il disegno distrutto.

Non sei ancora abbonato al bimestrale Terrasanta e ti interessa ricevere un numero omaggio? Richiedilo scrivendo a: segreteria@terrasanta.net

Terrasanta 1/2016
Gennaio-Febbraio 2016

Terrasanta 1/2016

Eccovi il sommario dei temi toccati nel numero di gennaio-febbraio 2016 di Terrasanta su carta. Tutti i contenuti, dalla prima all’ultima pagina, ordinati per sezioni. Buona lettura!

Elena Lea Bartolini De Angeli

Cinque «app» per una dieta sana

Gli ebrei hanno un rapporto particolarissimo con il cibo. Non sorprende, allora, che la tecnologia israeliana abbia approntato cinque applicazioni (app) scaricabili sul cellulare per imparare a nutrirsi correttamente senza rinunciare al gusto.

Capodanno insanguinato a Tel Aviv e minoranza araba in Israele
Giampiero Sandionigi

Capodanno insanguinato a Tel Aviv e minoranza araba in Israele

La nuova ondata di violenze in Terra Santa riporta alla ribalta la questione della difficoltà di rapporti tra la maggioranza ebraica e la minoranza araba anche all'interno dello Stato di Israele.

Manuela Borraccino

Piazza Tahrir cinque anni dopo, in Rete un Digital Museum sulle donne

«Abbiamo chiesto alle donne egiziane che hanno agito eroicamente durante la rivolta del gennaio 2011 di raccontare la loro storia». È nato così il Museo digitale delle donne.

Giovanni il Battista, il testimone della luce
AA.VV.

Giovanni il Battista, il testimone della luce

Riflettori su Giovanni il Battista. Ne presentiamo la figura a partire dalla parola dei Vangeli e ripercorriamo i luoghi conosciuti della sua vita terrena: Ein Karem, Betania al di là del Giordano, Macheronte, Sebaste.

Cantalamessa. L’amore rompe tutti gli schemi
Carlo Giorgi

Cantalamessa. L’amore rompe tutti gli schemi

Padre Raniero, francescano cappuccino, uno dei volti più noti della televisione, ha viaggiato diverse volte in Terra Santa. Nel suo racconto, l’emozione legata alla visita ai Luoghi Santi e il loro messaggio di pace, dialogo e amore.

Giuseppe Caffulli

Combatti l’indifferenza per costruire la pace

Papa Francesco usa un linguaggio semplice ma profondo, capace di toccare la sensibilità di ogni uomo e di ogni donna. È così anche il suo testo scritto per la Giornata mondiale della pace, che ricorre il primo gennaio.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta (fino al 2005 La Terra Santa) compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme
Una forma di vita secondo il Vangelo
Francesco Patton

Una forma di vita secondo il Vangelo

Schede di riflessione sulla Regola bollata per la formazione permanente in fraternità
L’ebreo di Nazaret
Frédéric Manns

L’ebreo di Nazaret

Indagine sulle radici del cristianesimo