Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Cinque «app» per una dieta sana

Elena Lea Bartolini De Angeli
21 gennaio 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Gli ebrei hanno un rapporto particolarissimo con il cibo. Non sorprende, allora, che la tecnologia israeliana abbia approntato cinque applicazioni (app) scaricabili sul cellulare per imparare a nutrirsi correttamente senza rinunciare al gusto.


Un commento rabbinico al libro del Levitico, che contiene le norme relative ai cibi permessi e a quelli vietati, ad un certo punto precisa: «Nel mondo futuro il Signore allestirà un banchetto per i suoi più fedeli servitori, i giusti. A quel tempo avrà il privilegio di partecipare al banchetto chiunque non avrà mangiato un cibo improprio in questo mondo» (Midrash Vajiqra’ Rabbah XIII,3). Per «cibo improprio» non si intende solo ciò che è proibito, ma anche tutto ciò che può nuocere alla salute. Per questo anche il Talmud non si limita a considerare le norme alimentari tradizionali ma si sofferma sul valore del cibo dal punto di vista della sua salubrità: ad esempio si precisa che è consigliabile mangiare pane soprattutto la mattina, così come si esorta a bere mangiando per favorire la digestione e la corretta assimilazione; si danno inoltre consigli utili alla scelta degli alimenti adatti al proprio stato fisico, in quanto la salute del corpo garantisce anche quella dello spirito.

Non sorprende allora che la tecnologia israeliana abbia approntato cinque applicazioni (app) scaricabili sul cellulare per imparare a nutrirsi correttamente senza rinunciare al gusto: a seconda delle proprie necessità ed esigenze si può scegliere quella più adatta a coniugare sapore e benessere senza eccedere in sostanze nocive per la salute. Si può scegliere ad esempio di utilizzare Fooducate, creata da Hemi Weingarten, che grazie ad un finder che analizza il codice a barre degli alimenti confezionati permette di fare la spesa al supermercato verificando qualità e grado nutrizionale. Oppure si può utilizzare My Diet Coach, creata da Anat Levy, che non solo insegna a nutrirsi bene ma, in caso di attacchi di panico per fame, offre un tasto che aiuta a resistere in attesa che la fame sparisca. Altra possibilità è Nutrino, ideata da Jonathan Lipnik e Yaron Hadad, che raccoglie informazioni sullo stato di salute e propone piatti ad hoc monitorando ogni progresso, così come MakeMyPlate, fondata da Alin Cooperman, propone un elenco visivo di pasti bilanciati sulla base di linee guida nutrizionali. Per chi invece ama la cucina vegana si consiglia Go Vegan, di Yehuda Goldner, che visualizza piatti vegani e indica i ristoranti ove trovarli. Tutto ciò naturalmente nella piena osservanza delle regole alimentari ebraiche.

Significativi sono anche i risultati di alcune ricerche israeliane: l’ultimo studio diretto dall’Università Ben-Gurion del Neghev, ha rilevato ad esempio che un bicchiere di vino rosso ogni sera può migliorare la salute cardiovascolare dei pazienti con diabete di tipo 2, aiutandoli anche a gestire il colesterolo. Lo studio è stato effettuato su 224 diabetici di età compresa tra i 45 e i 75 anni che generalmente non bevono alcol. Ad alcuni è stato chiesto di iniziare a bere moderatamente seguendo una dieta mediterranea e i risultati sono stati sorprendenti. Interessanti anche i risultati dei ricercatori del Technion guidati dal professor Michael Aviram della Facoltà di Medicina e del Rappaport Rambam Medical Center, i quali hanno scoperto che il succo di melograno non solo ha proprietà terapeutiche e antitumorali ma, associato ai datteri, fornisce massima protezione contro l’arteriosclerosi. Sono tutti esempi di tecnologia a favore della salute e del benessere che rimettono al centro le esigenze umane nel rispetto della tradizione.

(Per ulteriori informazioni, cfr l’articolo di Marina Gersony sul Bollettino della Comunità ebraica di Milano, dicembre 2015).

Non sei ancora abbonato al bimestrale Terrasanta e ti interessa ricevere un numero omaggio? Richiedilo scrivendo a: segreteria@terrasanta.net

Terrasanta 1/2016
Gennaio-Febbraio 2016

Terrasanta 1/2016

Eccovi il sommario dei temi toccati nel numero di gennaio-febbraio 2016 di Terrasanta su carta. Tutti i contenuti, dalla prima all’ultima pagina, ordinati per sezioni. Buona lettura!

Capodanno insanguinato a Tel Aviv e minoranza araba in Israele
Giampiero Sandionigi

Capodanno insanguinato a Tel Aviv e minoranza araba in Israele

La nuova ondata di violenze in Terra Santa riporta alla ribalta la questione della difficoltà di rapporti tra la maggioranza ebraica e la minoranza araba anche all'interno dello Stato di Israele.

Manuela Borraccino

Piazza Tahrir cinque anni dopo, in Rete un Digital Museum sulle donne

«Abbiamo chiesto alle donne egiziane che hanno agito eroicamente durante la rivolta del gennaio 2011 di raccontare la loro storia». È nato così il Museo digitale delle donne.

Giovanni il Battista, il testimone della luce
AA.VV.

Giovanni il Battista, il testimone della luce

Riflettori su Giovanni il Battista. Ne presentiamo la figura a partire dalla parola dei Vangeli e ripercorriamo i luoghi conosciuti della sua vita terrena: Ein Karem, Betania al di là del Giordano, Macheronte, Sebaste.

Cantalamessa. L’amore rompe tutti gli schemi
Carlo Giorgi

Cantalamessa. L’amore rompe tutti gli schemi

Padre Raniero, francescano cappuccino, uno dei volti più noti della televisione, ha viaggiato diverse volte in Terra Santa. Nel suo racconto, l’emozione legata alla visita ai Luoghi Santi e il loro messaggio di pace, dialogo e amore.

fra Eugenio Alliata ofm

Quegli angeli dalle ali d’argento

Sono in corso da mesi i restauri della basilica della Natività a Betlemme. All’interno, tra i lavori più impegnativi, c’è la pulizia e il restauro dei mosaici sulle pareti, che sono di epoca crociata.

Giuseppe Caffulli

Combatti l’indifferenza per costruire la pace

Papa Francesco usa un linguaggio semplice ma profondo, capace di toccare la sensibilità di ogni uomo e di ogni donna. È così anche il suo testo scritto per la Giornata mondiale della pace, che ricorre il primo gennaio.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio