Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Capodanno insanguinato a Tel Aviv e minoranza araba in Israele

Giampiero Sandionigi
21 gennaio 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Capodanno insanguinato a Tel Aviv e minoranza araba in Israele
Studenti arabo-israeliani a lezione in aula computer. (foto Moshe Shai/Flash90)

La nuova ondata di violenze in Terra Santa riporta alla ribalta la questione della difficoltà di rapporti tra la maggioranza ebraica e la minoranza araba anche all'interno dello Stato di Israele.


In Terra Santa le cronache continuano a riportare, anche nelle ultime settimane, notizie di nuovi attacchi ad ebrei da parte di palestinesi che, a loro volta, vengono rapidamente «neutralizzati», con la morte (il più delle volte) o con gli arresti, dagli apparati di sicurezza israeliani.

Nella maggior parte dei casi ad entrare in azione sono state persone – maschi e femmine, generalmente giovani – provenienti dai Territori palestinesi della Cisgiordania o da Gerusalemme Est. Diverso il caso di Nashat Melhem, che ha scelto di macchiare di sangue il primo giorno del 2016 a Tel Aviv: con brevi raffiche di mitra ha sparato sugli avventori di un bar e sui passanti. Due sono morti, altri sono rimasti feriti, lui è fuggito, uccidendo anche il tassista beduino dal quale si era fatto accompagnare fino alla periferia nord della città. Per sette giorni l’uomo è riuscito a sottrarsi alla caccia della polizia, che infine lo ha individuato e ucciso nella cittadina di Arara, in Galilea, dov’era nato e cresciuto.

La vicenda di questo trentenne ha messo a nudo qualche inadeguatezza dei pur rodati servizi di intelligence israeliani, ma soprattutto ha riacceso il dibattito sul grado di affidabilità e lealtà della componente araba palestinese che è titolare di passaporto israeliano e vive entro i confini dello Stato ebraico. Una minoranza consistente, pari a oltre un quinto della popolazione, che però non può fare a meno di sentirsi solidale con i palestinesi che vivono – in condizioni assai più precarie – fuori da Israele e che perciò è considerata con sospetto e diffidenza da buona parte degli israeliani ebrei.

Di fatto gli arabi in Israele, soprattutto se musulmani, non prendono parte pienamente alle vicende della nazione sionista. In genere i loro giovani non prestano il servizio militare sotto i vessilli con la stella di Davide e hanno (anche per questo) più difficile accesso ad alcune professioni. Le differenze di trattamento sono evidenti in molti aspetti della vita quotidiana: dai controlli di sicurezza aeroportuali, fino all’accesso alla casa e a un buon livello d’istruzione.

Uno stato di cose che il governo Netanyahu ha di fatto riconosciuto, ripromettendosi di correggerla con l’approvazione, a fine 2015, di un piano quinquennale di sviluppo in favore delle minoranze. Sono stati stanziati 15 miliardi di shekel (pari a 3 miliardi e 460 milioni di euro). Una speciale commissione è incaricata di mettere a punto i criteri per ripartire gli stanziamenti. Dovrebbero beneficiarne essenzialmente le piccole municipalità con almeno l’80 per cento di popolazione araba. Si interverrà nei settori del trasporto pubblico, dell’istruzione, della sanità pubblica e dell’edilizia. Il governo spingerà per un maggior controllo del territorio e della legalità: insieme alle nuove case sorgeranno nuove stazioni di polizia e si dovrà contrastare l’abusivismo edilizio (spesso generato dall’esiguità del territorio disponibile o dalla difficoltà di conseguire le licenze edilizie).

Appare evidente la necessità, nell’interesse di tutti, di non lasciare in condizioni di svantaggio una fetta tanto consistente della popolazione. Per non creare scompensi intollerabili per gli equilibri economici interni, oltre che per ragioni di giustizia.

Non sei ancora abbonato al bimestrale Terrasanta e ti interessa ricevere un numero omaggio? Richiedilo scrivendo a: segreteria@terrasanta.net

Terrasanta 1/2016
Gennaio-Febbraio 2016

Terrasanta 1/2016

Eccovi il sommario dei temi toccati nel numero di gennaio-febbraio 2016 di Terrasanta su carta. Tutti i contenuti, dalla prima all’ultima pagina, ordinati per sezioni. Buona lettura!

Elena Lea Bartolini De Angeli

Cinque «app» per una dieta sana

Gli ebrei hanno un rapporto particolarissimo con il cibo. Non sorprende, allora, che la tecnologia israeliana abbia approntato cinque applicazioni (app) scaricabili sul cellulare per imparare a nutrirsi correttamente senza rinunciare al gusto.

Manuela Borraccino

Piazza Tahrir cinque anni dopo, in Rete un Digital Museum sulle donne

«Abbiamo chiesto alle donne egiziane che hanno agito eroicamente durante la rivolta del gennaio 2011 di raccontare la loro storia». È nato così il Museo digitale delle donne.

Giovanni il Battista, il testimone della luce
AA.VV.

Giovanni il Battista, il testimone della luce

Riflettori su Giovanni il Battista. Ne presentiamo la figura a partire dalla parola dei Vangeli e ripercorriamo i luoghi conosciuti della sua vita terrena: Ein Karem, Betania al di là del Giordano, Macheronte, Sebaste.

Cantalamessa. L’amore rompe tutti gli schemi
Carlo Giorgi

Cantalamessa. L’amore rompe tutti gli schemi

Padre Raniero, francescano cappuccino, uno dei volti più noti della televisione, ha viaggiato diverse volte in Terra Santa. Nel suo racconto, l’emozione legata alla visita ai Luoghi Santi e il loro messaggio di pace, dialogo e amore.

fra Eugenio Alliata ofm

Quegli angeli dalle ali d’argento

Sono in corso da mesi i restauri della basilica della Natività a Betlemme. All’interno, tra i lavori più impegnativi, c’è la pulizia e il restauro dei mosaici sulle pareti, che sono di epoca crociata.

Giuseppe Caffulli

Combatti l’indifferenza per costruire la pace

Papa Francesco usa un linguaggio semplice ma profondo, capace di toccare la sensibilità di ogni uomo e di ogni donna. È così anche il suo testo scritto per la Giornata mondiale della pace, che ricorre il primo gennaio.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme