Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Nella rubrica "Donne di Terra Santa" incontriamo stavolta Pnina, con la sua lunga vita all'insegna dell'impegno sociale.

Una perla di infermiera, laica e israeliana, classe 1923

Chiara Tamagno
11 novembre 2013
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Una perla di infermiera, laica e israeliana, classe 1923
La signora Pnina a colloquio con un arabo.

Il suo nome è Pnina, in ebraico «perla», ha visto nascere lo Stato di Israele, perché nel 1948 lei era già a Gerusalemme, dove arrivò nel ‘38 dalla Polonia. Aveva il sogno di diventare medico ma dovette «accontentarsi» di studiare da infermiera. Fu mandata a far pratica in un ospedale di Tel Aviv durante la guerra del ‘47-’48: «Tra tanti, tantissimi feriti… fu la scuola che mi segnò la vita – ricorda – quando chi lottava era gente meravigliosa, uomini e donne capaci di sacrifici… Ho conosciuto Ben Gurion e i suoi, vivevano con sobrietà ed erano più umani dei leader di oggi».

Una vita spesa a curare i più deboli, nei kibbutz dove Pnina ha sempre vissuto, poi nelle missioni di Physicians for Human Rights, (Medici per i diritti umani, ndr). Pur con gli acciacchi dell’età (vispa novantenne), il sabato sale sull’ambulanza per raggiungere i villaggi palestinesi, dove vivono coloro che, «nella terra di Israele sono sempre stati trattati come gente di serie B».

Comunista convinta, capelli corti con codino e orecchini spaiati, spiega con candore: «Prima mi dimenticavo di abbinarli, poi ho deciso di dare così due profili di me, diversamente interessanti». Ha educato i figli nel rispetto del prossimo: «Quando mio figlio di cinque anni mi disse che avrebbe voluto fare il pilota per lanciare bombe sugli arabi, organizzai un soggiorno di famiglia presso amici arabi; mio figlio si divertì molto e… alla fine restò scioccato nel sapere chi fossero. Una lezione di vita che ricorda ancora oggi!»

Pnina continua ad essere attiva nella difesa dei diritti umani, interviene con passione sui blog e nei commenti agli articoli dei giornali… La sua ricetta per un futuro di pace? «Alla mia età – dice – posso dire che la paura è alla base della storia di Israele e oggi vedo questa strategia amplificata per giustificare la militarizzazione. È urgente che israeliani e palestinesi facciano cose insieme, per conoscersi e rompere la paura che hanno l’uno dell’altro».

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Il libro delle risposte della fede
MichaelDavide Semeraro

Il libro delle risposte della fede

Domande scomode a Dio e alla Chiesa
Il Santo e il Sultano

Il Santo e il Sultano

Damietta, l’attualità di un incontro