Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Uccidere i cristiani per annichilire il dialogo tra i popoli

l'editoriale
22 novembre 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Non è da oggi che i cristiani in Medio Oriente sono nel mirino e che rischiano di pagare con il sangue la loro testimonianza di fede. Basta scorrere le pagine di cronaca dei giornali: all’inizio di quest’anno l’eccidio di Nag Hammadi, in Egitto; a giugno l’assassinio di mons. Luigi Padovese, in Turchia. Ora la strage di Baghdad, in Iraq. Il bilancio dell’attacco terroristico sferrato domenica 30 ottobre alla cattedrale siro-cattolica della capitale lascia senza parole: cinquantotto morti e oltre settanta feriti.

Ad alimentare il clima di paura e tensione, le parole di un comunicato di al-Qaeda, nel quale si afferma che tutte le chiese e i cristiani sono ormai «obiettivi legittimi» della strategia del terrore.

Al-Qaeda, e con lei le fazioni combattenti islamiche, colpisce i cristiani pensando di colpire l’Occidente e ciò che esso rappresenta. Ma uccidere i cristiani, figli di quelle terre e appartenenti a quei popoli, o costringerli alla fuga, è un atto suicida per le società a maggioranza islamica. Nel Messaggio al popolo di Dio diffuso al termine del Sinodo per il Medio Oriente (Roma,10-24 ottobre), i vescovi, oltre a ribadire che i cristiani «sono cittadini originali e autentici, leali alla loro patria e fedeli ai loro doveri nazionali», ne hanno sottolineato il ruolo particolare in quelle terre, invitando a superare «ogni forma di razzismo, l’antisemitismo, l’anticristianesimo e l’islamofobia».

«Chiamiamo le religioni – proseguono i vescovi – ad assumere le loro responsabilità nella promozione del dialogo delle culture e delle civiltà». Sarà forse per annichilire questa attitudine al dialogo che i cristiani sono considerati un pericolo da eliminare?

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito ogni due mesi a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa tramite la nostra Fondazione.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2023.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Seguire Gesù
Matteo Crimella

Seguire Gesù

Sette meditazioni sul Vangelo di Luca
Semi di fraternità
Massimo Fusarelli

Semi di fraternità

Con Francesco nelle sfide del nostro tempo
In Terra Santa – nuova ed. brossura
Gianfranco Ravasi

In Terra Santa – nuova ed. brossura

Un pellegrinaggio spirituale