Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
La rete dei professionisti di Activestills.

Fotografi di strada per scuotere le coscienze

Chiara Tamagno
22 novembre 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Fotografi di strada per scuotere le coscienze
Uno degli scatti proposti da Activestills.

Non è una vera e propria associazione, ma piuttosto una rete di professionisti dell’immagine che nel 2005 hanno deciso di usare la loro arte per un’audace opera di sensibilizzazione. In Israele e Palestina: qui dove le violenze e le ingiustizie continuano, spesso nell’indifferenza dell’opinione pubblica, i fotografi Activestills scattano immagini inquietanti, un pugno nello stomaco tanto sono realistiche. Foto che immortalano, ad esempio, quel che succede ai check-point tra militari addetti alla sicurezza e popolazione civile, gli scontri tra coloni degli insediamenti e popolazioni confinanti, le demolizioni delle case, le dimostrazioni di chi dissente…

Non solo. Le foto, decisamente suggestive, ritraggono vari aspetti della società in questa terra così ricca di provocazioni: dai rifugiati ai senza tetto, da chi difende i diritti delle donne a chi dimostra per i diritti degli animali, contro la globalizzazione o contro il crescente militarismo.

E dove va tutto questo materiale? Innanzitutto è disponibile su Internet per quanti vogliono vedere e cercare di capire quel che avviene in questo angolo del mondo. Poi i volontari Activestills organizzano periodicamente delle mostre per le strade di Gerusalemme, allo scopo di scuotere la coscienza di tanti che non sanno o non vogliono sapere: «La maggior parte chiude gli occhi e passa oltre – spiega una dei fotografi – ma c’è anche chi si avvicina, si sofferma su qualche immagine e si allontana pensieroso. Questo per noi è un gran risultato». Mostre pubbliche che a volte subiscono  atti vandalici volti a dissuadere i fotografi dalla loro opera di denuncia; ma gli Activestills non si lasciano intimidire e continuano la loro missione per aprire gli occhi di chi ancora non vuole vedere.

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2020.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"