Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Nella liturgia orientale la Presentazione di Gesù al tempio ancora oggi è chiamata Festa dell'incontro: il Bambino venuto a salvare il mondo si svela al suo popolo.

Cristo, luce per le nazioni

padre Frédéric Manns ofm
2 febbraio 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Cristo, luce per le nazioni

Nell’episodio della presentazione al Tempio – spiega padre Frédéric Manns, biblista dello Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme  –  la Chiesa ha scorto, al di là delle leggi relative alla purificazione delle madri (Lv 12,6-8), un mistero inerente la storia della Salvezza. Il Natale significava l’offerta del Verbo incarnato al Padre. (…) La festa della presentazione al Tempio, così come quella dell’Epifania, proclama l’universalità della salvezza».

Celebrata a Gerusalemme già nel IV secolo, la festa (che ricorre il 2 febbraio) fu introdotta a Roma relativamente tardi. A partire dal Medio Evo la Chiesa ha letto nel gesto di Maria che porta il Figlio al Tempio di Gerusalemme, un desiderio di offerta che supera il gesto del rito che stava compiendo. Un episodio che prefigura in qualche modo le sofferenze della croce.

San Sofronio, originario di Damasco e vescovo di Gerusalemme, nel VII secolo commentava con queste parole la festa della Presentazione al Tempio, o Festa dell’incontro, come amano dire le Chiese d’Oriente: «Noi tutti che celebriamo e veneriamo con intima partecipazione il mistero dell’incontro del Signore corriamo e muoviamoci insieme in fervore di spirito incontro a lui. Nessuno se ne sottragga, nessuno si rifiuti di portare la sua fiaccola. Accresciamo anzi lo splendore dei ceri per significare il divino fulgore di lui che si sta avvicinando e grazie al quale ogni cosa risplende, dopo che l’abbondanza della luce eterna ha dissipato le tenebre della caligine. Ma le nostre lampade esprimano soprattutto la luminosità dell’anima, con la quale dobbiamo andare incontro a Cristo. Come infatti la Madre di Dio e Vergine intatta portò sulle braccia la vera luce e si avvicinò a coloro che giacevano nelle tenebre, così anche noi, illuminati dal suo chiarore e stringendo tra le mani la luce che risplende dinanzi e tutti, dobbiamo affrettarci verso colui che è la vera luce. La luce venne nel mondo (cfr Gv 1, 9) e, dissipate le tenebre che lo avvolgevano, lo illuminò. Ci visitò colui che sorge dall’alto (cfr Lc 1, 78) e rifulse a quanti giacevano nelle tenebre».

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2019.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Finalmente libera!
Asia Naurīn Bibi, Anne-Isabelle Tollet

Finalmente libera!

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19