Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Una nuova puntata della rubrica Oltre la soglia, dedicata al tema della casa e dell'abitare in Terra Santa.

La casa sul confine tra odio e riconciliazione

Chiara Tamagno
12 ottobre 2009
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
La casa sul confine tra odio e riconciliazione
Una casa di Betlemme circondata dal muro imposto dagli israeliani.

Mahnal tiene in braccio la piccola Giovanna di pochi mesi mentre i due gemellini si tengono alla gonna: vivono in una grande casa sulla linea del Muro di sicurezza che separa Betlemme da Beit Jala, ma in realtà è una sorta di prigione. Questa posizione ha causato e causa gravi problemi a tutta la famiglia. «A parte la difficoltà a raggiungere Betlemme dove lavoriamo e dove si trova la nostra parrocchia, non abbiamo potuto costruire il tetto della casa perché avrebbe superato l’altezza del Muro e questo non è consentito, ma soprattutto abbiamo perso la terra e gli ulivi che si trovano al di là… così vediamo gli israeliani che raccolgono le nostre olive mentre noi siamo costretti a comprare l’olio!»

Ma quello che angoscia Mahnal è ben altro, è l’odio che si respira intorno e dentro la sua casa e che minaccia la crescita serena dei suoi bambini: «Durante l’intifada era assordante il suono degli elicotteri e dei bombardamenti vicini, da noi entravano ed entrano ancora oggi i soldati di giorno e di notte per fare controlli, spesso rovinando il cancello e la porta… Se poi sorprendono qualcuno che ha cercato di oltrepassare il Muro, lo torturano e lo lasciano lì sanguinante perché sia di monito ad altri… I nostri bambini vedono tutto questo e dobbiamo farli seguire dagli psicologi affinché ritrovino un equilibrio. Ma come possiamo educarli al dialogo? Temo fortemente per il loro futuro». Nonostante tutto, Manhal non pensa di emigrare, ha molta fiducia nell’aiuto della comunità cristiana a cui si aggrappa: «Siamo pochi cristiani e sappiamo di essere una presenza scomoda tra due popoli che si fanno la guerra, ma ci sentiamo uniti; per noi la terra è sacra, come l’ospite e l’onore. Dio ci ha chiesto di essere suoi discepoli qui, dove tremenda è la divisione, ma sono certa che non resterà sordo al nostro grido».

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2019.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Sorella anima
David-Marc d’Hamonville

Sorella anima

Alla scoperta di una interiorità possibile
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe