Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Armenia e Turchia, uno storico accordo che guarda al futuro

l'editoriale
30 ottobre 2009
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Fino all’ultimo momento sembrava che non s’avesse da fare. E invece il buon senso ha avuto la meglio. Parliamo dell’accordo, siglato il 10 ottobre scorso tra Turchia ed Armenia a Zurigo (Svizzera), che prevede, insieme al ristabilimento delle relazioni diplomatiche, anche l’apertura di frontiere e canali commerciali.

Ovviamente, stante il lungo periodo di contrapposizione e d’inimicizia tra Turchia e Armenia, è ancora troppo presto per capire se saranno tutte rose e fiori. L’accordo è un passo indubbiamente coraggioso, ma la firma dovrà essere ratificata dai parlamenti nazionali:  passaggio non del tutto scontato e che sta facendo salire la tensione politica nei due Paesi. Il riconoscimento del genocidio armeno è il cuore della questione. La Turchia non accetta che si utilizzi il termine «genocidio» e ha sempre negato le tesi (e le cifre) di parte armena. A peggiorare i rapporti tra i due governi, il conflitto del Nagorno Karabakh, durante il quale Ankara aveva sostenuto le posizioni dell’Azerbaigian contro l’Armenia.

Nonostante le difficoltà anche recenti, è innegabile che l’accordo segni  una svolta nelle relazioni tra Armenia e Turchia e sottolinei il desiderio (propiziato anche da esigenze economiche e dall’intenso lavoro della diplomazia internazionale) di guardare con occhi diversi al futuro.

Ma non basta la firma su un pezzo di carta per fugare problemi e odi radicati. Sapranno i governi far accettare alle fazioni più oltranziste dei rispettivi Paesi la necessità di voltare pagina? Sapranno Turchia e Armenia lavorare insieme per arrivare a sciogliere i nodi storici che le separano? Questa è la vera partita da giocare.

Da parte sua la comunità internazionale dovrà avere cura di aiutare i due Paesi a intraprendere un serio cammino di guarigione della memoria, unica vera garanzia di pace e stabilità.

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2019.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Sorella anima
David-Marc d’Hamonville

Sorella anima

Alla scoperta di una interiorità possibile
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe