Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Botte al Sepolcro e testimonianza cristiana

l'editoriale
5 dicembre 2008
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Non è la prima volta. Ma la speranza è sempre che sia l’ultima. La «scazzottata» al Santo Sepolcro tra monaci armeni e greco-ortodossi, mostrata in tivù in ogni angolo del Globo, ha proiettato un’ombra di discredito sulla presenza cristiana in Terra Santa (anche se i cattolici, rappresentati dai francescani, non hanno avuto nessuna parte nell’episodio). Come – si chiede la gente – proprio nel luogo più santo, la tomba vuota di Cristo, i cristiani se le suonano di santa ragione?

L’episodio (scatenato dalla «pretesa» dei greci-ortodossi di mantenere un sacrestano nel Sepolcro durante la liturgia degli armeni) si inquadra nella complessa situazione che le Chiese si trovano a vivere nei Luoghi Santi e nella logica del cosiddetto status quo, un insieme di consuetudini che risale alla dominazione ottomana. Lo status quo non è una legge, ma una sorta di tregua tra le comunità cristiane all’interno dei Luoghi Santi. E come ogni tregua, anche lo status quo è frutto di un compromesso e presta purtroppo il fianco a violazioni e incomprensioni.

Il triste evento, accaduto il 9 novembre scorso di fronte a centinaia di pellegrini attoniti, è sicuramente una pesante forma di contro-testimonianza. Ma deve essere colto come uno stimolo a non fermarsi, e a proseguire con determinazione sulla strada del dialogo tra le comunità cristiane. Che non sono – neppure a Gerusalemme – esenti dal peccato e dalle passioni che agitano il cuore dell’uomo.

La vita all’interno della basilica della Resurrezione è soprattutto fatta di cordialità e convivenza. Ma solo la conoscenza più profonda, la condivisione, la comprensione reciproca, il riconoscimento dell’unica fede,  potranno scongiurare altri eventi simili. Restituendo all’unica comunità dei figli di Dio la credibilità che deriva dalla stima e dalla concordia.

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2020.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"