Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Un riconoscimento alle sofferenze del popolo iracheno

l'Editoriale
9 novembre 2007
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Salutiamo la nomina del patriarca caldeo di Baghdad a cardinale: è un onore e un riconoscimento alle sofferenze del popolo iracheno. Sua Beatitudine Emmanuel III Delly, ottant’anni compiuti il 6 ottobre scorso, è originario di Telkaif, nell’Iraq del nord. Nel 1952 era stato ordinato sacerdote della Chiesa caldea e 10 anni dopo – il 16 dicembre 1962 – era divenuto vescovo.

A Emmanuel III è toccata la gravosa responsabilità di succedere nel dicembre 2003 a mons. Raphael Bidawid I, morto nel luglio dello stesso anno. L’elezione di Delly a patriarca si era rivelata particolarmente delicata a causa della situazione irachena, con l’occupazione militare americana e forti tensioni interne alla stessa Chiesa caldea. Emmanuel III si è impegnato con forza nel dare voce agli appelli delle comunità cristiane irachene, chiedendo la fine della «persecuzione interna ed esterna» che colpisce i cristiani.

La comunità caldea irachena si trova oggi dispersa in tutto il mondo. Tra  Libano, Egitto e Siria si contano circa un milione e mezzo di fedeli. Il loro centro rimane da millenni l’Iraq, con Baghdad quale sede del Patriarcato, dove i caldei erano almeno 800 mila prima del 2003. La persecuzione dei cristiani nel Paese ha costretto numerose famiglie alla fuga. Non si conoscono i numeri esatti di questa diaspora, ma stime non ufficiali attestano che i caldei in patria non sarebbero più di 200 mila.

L’elevazione alla porpora dell’anziano patriarca (il Concistoro è fissato per il 24 novembre) è stata accolta con commozione dai tanti cristiani caldei fuoriusciti. È un segnale forte che il Papa non intende abbandonare questo suo gregge. E un monito a tutte le Chiese del mondo (e alle autorità civili) perché non dimentichino la sorte dei cristiani iracheni.

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito ogni due mesi a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa tramite la nostra Fondazione.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2023.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Breve storia di Israele
Vincenzo Lopasso

Breve storia di Israele

Da Abramo alle origini della diaspora
Collectanea 57 (2024)

Collectanea 57 (2024)

Studia-documenta
Laudate Dominum
Anna Maria Foli

Laudate Dominum

Le più belle preghiere della tradizione