Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Solo nell'ascolto e nella ricerca dell'interiorità possiamo vivere una fede pacificata, libera dalla tentazione della forza. L'insegnamento di Elia.

Quando Dio parla nel silenzio

Paolo Curtaz
30 marzo 2007
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Quando Dio parla nel silenzio
Scorcio dei ruderi di Tell Arad.

Il grandissimo profeta Elia ha sfidato in un’ordalia religiosa i profeti di Baal, portati in Israele dalla regina Gezabele, fenicia, moglie del debole re Acab, regnante sul Regno di Samaria. La sfida sul monte Carmelo, brillantemente vinta da Elia, si trasforma in una tragedia: accecato dal successo ottenuto Elia «scanna» quattrocentocinquanta sacerdoti di Baal. La regina, venutolo a sapere, promette una vendetta esemplare: Elia deve fuggire nel deserto e fa, come Mosè, esperienza del proprio limite e del proprio errore. Il Dio di Israele, che egli pretende di difendere, non si riconosce in quella violenza.

Così, giunto all’estremo, abbandonato anche dal Dio che pretende di conoscere, Elia desidera morire. Un corvo gli porta un misterioso cibo, prefigurazione, per i padri della Chiesa, del pane eucaristico ed Elia trova il coraggio di attraversare il deserto e di giungere al monte Oreb, il monte di Dio. Può accadere, nella nostra vita, di ammettere i propri sbagli, di essere travolti dai propri errori, commessi anche da credenti e da devoti pieni di zelo. La sensazione di sconfitta che ne deriva è bruciante: davvero si vorrebbe morire, non sentendosi migliori dei propri padri. In quella solitudine, in quello sconforto, il Signore ci dona un pane, la Parola, l’eucarestia, che ci permette di raggiungere il monte dove incontrare Dio.

La splendida e conosciutissima pagina che abbiamo letto è una pietra miliare nella comprensione del volto di Dio che emerge dalla Scrittura: Dio non è nel fuoco, Dio non è nel vento, Dio non è nella violenza, egli è nel silenzio, nell’alito, nel mormorio leggero. Elia è chiamato, dopo la sua tragica esperienza, a rientrare in sé stesso; Dio gli chiede conto della verità del suo cuore: «Che fai qui, Elia?». La sua risposta è immutata, rispetto all’inizio del suo percorso: egli è pieno di zelo per il Signore. Uno zelo che, male interpretato, lo ha portato a commettere una vera e propria strage. Ora, però, che ha attraversato il deserto e ha riconosciuto il limite della sua visione di Dio, ora che si è avvicinato alla verità il suo zelo resta, ma è purificato, rinnovato, autentico, umile, vero. Ora Elia è pronto per incontrare Dio, infine.

In un mondo in cui – tragicamente – assistiamo all’uso malsano e ideologico della religiosità per commettere abusi e violenze, questa pagina, illuminata definitivamente dal Vangelo, ci invita a un percorso diverso, basato sull’essenzialità. Solo nella ricerca costante dell’interiorità e del personale rapporto con Dio possiamo vivere una fede pacificata e pacificante, senza cedere alla tentazione della forza e della violenza, dell’imposizione della propria verità. In un contesto degradato come quello che sta vivendo la nostra società occidentale, il recupero forte della spiritualità, elemento primo e primario di ogni religione, rappresenta l’unica strada per la convivenza tra i popoli.

(Il brano biblico di riferimento è dal Primo libro dei Re, capitolo 19, versetti 9-14)

L’autore è sacerdote della diocesi di Aosta
e curatore del sito Internet tiraccontolaparola.it 

 

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
In nome dell’amore
Simone Weil

In nome dell’amore

Investigazioni spirituali su Gesù di Nazaret
«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

Letture di testi sacri per vivere insieme
Atti degli apostoli: analisi sintattica
Lesław Daniel Chrupcała

Atti degli apostoli: analisi sintattica

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico