Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Anche per Elia il successo si rivela un'arma pericolosa: uccide e fa uccidere in nome di Dio. Una scelta che lo costringerà a un difficile percorso di conversione.

La violenza bestemmia Dio

Paolo Curtaz
7 marzo 2007
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
La violenza bestemmia Dio
Scorcio dei ruderi di Tell Arad.

Elia è il primo dei profeti che vogliamo conoscere in questo percorso di spiritualità sui personaggi della Bibbia. Una scelta azzeccata visto che cronologicamente è il primo grande profeta di Israele, insieme a Samuele e Natan, e che tradizionalmente è considerato da Israele come il più grande tra i profeti. Elia vive nel Regno del Nord intorno all’anno 850 a.C. mentre il re Acab, iniquo e capriccioso, sposa la regina fenicia Gezabele che importa in Israele i culti orgiastici di Baal.

L’abbandono del culto di Jahwè, le vessazioni e gli abusi di potere (leggete la tragica fine di Nabot ucciso dal re per impossessarsi della sua vigna in 1 Re 21) sono troppo per lo zelo di Elia il tisbita. Il popolo, come spesso accade, non è molto coinvolto nelle questioni religiose: anzi, la presenza di un nuovo rito è percepito come una piacevole novità.

Elia sfida i sacerdoti del culto di Baal a un’ordalia, tipica di un approccio primitivo della religiosità. La sfida è chiara: la divinità che invierà il fuoco dal cielo a consumare l’olocausto è l’unica divinità da venerare. Non bastano gli schiamazzi dei sacerdoti di Baal, dall’alba a mezzogiorno, le loro danze e le loro incisioni a sangue coi coltelli: tutto tace. La scena drammatica dell’intervento di Elia è densa di emozione: egli fa impregnare l’altare e la vittima di acqua e poi, con semplicità, invoca il fuoco dal cielo. La folla è colpita, sconvolta: davvero l’intervento di Elia è travolgente.

Si confrontano, in questa sfida, due modi di intendere la religiosità: un approccio pagano, magico, superstizioso, fatto di violenza e di sangue e un modo nuovo, di intimità, di preghiera, di fiducia che svela il vero volto di Dio. Poi accade l’incredibile: visto il successo anche Elia si fa travolgere dalla passione e uccide e fa uccidere («scanna», recita il testo!), tutti i profeti di Baal.

Elia commette un errore gravissimo: accecato dal successo insperato pensa di riportare il popolo a Dio attraverso una religiosità che imita quella della regina Gezabele. È una scorciatoia senza senso, gravida di errori: la regina giurerà vendetta e costringerà il profeta a fuggire nel deserto, Dio non si riconosce in quel gesto e abbandonerà Elia.

Ancora un volta, come per Mosè, Elia dovrà attraversare il deserto e conoscere la solitudine, ammettere la propria sconfitta, ammettere di non essere migliore dei propri padri, per essere finalmente pronto a fare esperienza di Dio. Ma questa è un’altra storia. Dio non si può mai affermare e difendere con la violenza, mai.

(Il brano biblico di riferimento è dal Primo libro dei Re, capitolo 18, versetti 24-40)

L’autore è sacerdote della diocesi di Aosta e curatore del sito Internet
www.tiraccontolaparola.it

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Una nuova strada
Cristiana Dobner

Una nuova strada

Carlo Maria Martini, gli Esercizi e la Parola
Grecia

Grecia

Luoghi cristiani e itinerari paolini
Il libro della vita
Alberto Mello

Il libro della vita

Leggere i Salmi
Preferivo le cipolle
Giorgio Bernardelli

Preferivo le cipolle

Dieci obiezioni (da sfatare) a un viaggio in Terra Santa