Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Giornata dei volontari, una ventata di speranza

Federico Verbani
2 novembre 2021
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Giornata dei volontari, una ventata di speranza
I partecipanti alla Giornata ascoltano l'intervento di suor Adele Brambilla, in collegamento dalla Giordania.

«Da lui proviene la mia speranza»: si è ispirato alle parole del Salmo 62 il tema della XIV Giornata delle Associazioni di volontariato che sostengono progetti in Terra Santa. Attraverso riflessioni e testimonianze, il senso della speranza cristiana è stato il cuore dell’incontro, per guardare al futuro in tempi difficili.


Nel tempo segnato dalle difficoltà economiche dovute alla pandemia e da conflitti che continuano a mietere vittime e a seminare ingiustizia, la speranza è tanto più necessaria per continuare a dare sostegno alla «pietre vive», i cristiani in Terra Santa e alle Chiese del Medio Oriente. Questo è stato il filo conduttore dell’incontro che si è svolto il 30 ottobre a Milano presso il convento di Sant’Angelo, e che ha visto la partecipazione di numerosi volontari impegnati per la Terra Santa, dopo l’edizione del 2020 che, a causa della pandemia, si era tenuta solo online. Ma anche quest’anno amici della Terra Santa hanno seguito gli interventi da tutta Italia (e non solo) in collegamento via Internet.

La Giornata si è aperta con una riflessione spirituale di fra Matteo Brena, commissario di Terra Santa della Toscana. Riprendendo la figura del profeta Ezechiele, che davanti al popolo di Israele sfiduciato, in esilio a Babilonia, fa risuonare forte la parola profetica, fra Matteo ha ricordato come la Parola di Dio sia una parola che crea, rinnova e trasforma, e infonde nuovamente speranza ai cuori affranti.

Ricche e diverse testimonianze hanno dato corpo al tema della Giornata, a partire dai semi di speranza che sono stati piantati dopo il viaggio del Papa in Iraq (5-8 marzo). Ne ha parlato padre Georges Jahola, sacerdote siro-cattolico iracheno, responsabile del comitato per la ricostruzione di Qaraqosh (chiamata in aramaico Baghdeda), il più importante centro cristiano della Piana di Ninive, nel nord del Paese. Quella terra, devastata dall’Isis e liberata nel 2017, dove 120mila cristiani sono dovuti fuggire e dove, tra tante distruzioni, una parte di loro sta facendo ritorno, ha ancora bisogno di sostegno alla ricostruzione umana e materiale.

Un altro racconto di speranza, contro la logica disumanizzante della propaganda jihadista, è stato portato da fra Stefano Luca, cappuccino impegnato contro il reclutamento dei minori da parte dell’Isis. Fra Stefano dirige un programma innovativo di riabilitazione e reintegro dei bambini-soldato, giovani «cuccioli del califfato», che li porta a riappropriarsi di una identità e del proprio futuro. Federico Bonechi, animatore e referente delle Misericordie a Betlemme, ha portato l’esperienza delle Misericordie d’Italia, una delle più vaste reti di volontariato e con le origini più antiche, nella città dove Gesù è nato. Dall’apertura di una sede, sette anni fa, si è creato un ponte di solidarietà con tanti volontari che hanno prestato un aiuto ai più deboli ed emarginati della città. Solo le restrizioni dell’emergenza per il Covid-19 hanno rallentato questo flusso.

In collegamento dalla Giordania, invece, ha portato la sua testimonianza suor Adele Brambilla, missionaria comboniana e direttrice dell’ospedale pediatrico di al-Karak, dove si curano bambini e donne in maternità, persone che non possono accedere a cure sanitarie in altre strutture (spesso rifugiati siriani numerosi nel Paese). Il padre Custode, fra Francesco Patton, che ha partecipato ai lavori, ha presieduto la celebrazione dell’Eucarestia per la Terra Santa al termine dell’incontro.

Eco di Terrasanta 6/2021
Novembre-Dicembre 2021

Eco di Terrasanta 6/2021

Ripara la mia casa
fra Francesco Ielpo

Ripara la mia casa

Le persone si allontanano sempre più da una vita di fede e si può avere nostalgia per l’epoca delle chiese piene. La vicenda del profeta Aggeo, tornato a Gerusalemme dopo l’esilio babilonese, ci aiuta a comprendere e vivere questi tempi.

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2020.
Buona lettura!

Clicca qui
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"