Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Un viaggio nei santuari della misericordia

l'editoriale
23 dicembre 2015
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

A Betlemme c'è un centro per disabili che fa capo ad una delle figure eminenti della carità di questi ultimi decenni: Jean Vanier, fondatore di due organizzazioni internazionali come L’Arca e Fede e Luce.


Si chiama «Insieme per la vita». Ed è uno dei tanti posti nei quali, in Terra Santa, si vive la misericordia. Si trova a Betlemme, dove di luoghi simili ce ne sono altri, con storie differenti ma ugualmente importanti: la Crèche, Effetà, l’Hogar del Niño Jesus…

Ma’an lil-Hayat (così in arabo) è un centro per disabili che fa capo ad una delle figure eminenti della carità di questi ultimi decenni: Jean Vanier, scrittore, fondatore di due importanti organizzazioni internazionali come L’Arca e Fede e Luce. Oggi sono 135 le comunità dell’Arca, presenti in 33 Paesi e 1.600 quelle di Fede e Luce, sparse in 80 Paesi.

La comunità di Betlemme è particolarmente cara a Vanier, tanto che il 10 dicembre scorso ha voluto essere presente in Terra Santa per una serata di auguri natalizi, animata da canti e scenette preparati dai disabili. Il pubblico ha potuto così incontrare il fondatore e avere un’idea delle difficoltà che ha superato per stabilire il centro di Ma’an lil-Hayat in Palestina.

«Ho avuto il privilegio di scoprire molti misteri – ha spiegato –; i misteri semplici, tra cui quello che le persone disabili sono belle, e hanno qualcosa da insegnare a tutti noi. Mi hanno insegnato che amare è una forma di rivelazione. Amare le persone dice che sei un essere creato da Dio. Si può avere una disabilità, ma resta intatta la capacità di amare come Dio ci ama».

Il centro di Ma’an lil-Hayat a Betlemme è stato fondato nel 2009. Ed è una di quelle luci di carità che brillano anche nelle notti più buie.

Eco di Terrasanta 1/2016
Gennaio-Febbraio 2016

Eco di Terrasanta 1/2016

Noi, «folli» per amore
fra Alberto Joan Pari ofm

Noi, «folli» per amore

La storia dei francescani Nicola Tavelic´ e compagni è intessuta dalla speranza di condurre a Cristo i musulmani che li martirizzarono.

«La mia Terra Santa con gli occhi dei piccoli»
Carlo Giorgi

«La mia Terra Santa con gli occhi dei piccoli»

Un pellegrinaggio di famiglie con bambini al seguito. E la scoperta che la Terra Santa si rivela in maniera sorprendente se osservata con lo sguardo dei più piccoli. Il racconto di fra Francesco Ielpo.

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2019.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Meno è di più
Francesco Antonioli

Meno è di più

Le Regole monastiche di Francesco e Benedetto per ridare anima all’economia, alla finanza, all’impresa e al lavoro
Gesù non fu ucciso dagli ebrei

Gesù non fu ucciso dagli ebrei

Le radici cristiane dell’antisemitismo
La ricchezza del bene
Safiria Leccese

La ricchezza del bene

Storie di imprenditori fra anima e business
L’anima viaggia un passo alla volta
Stefano Tiozzo

L’anima viaggia un passo alla volta

Da Capo Nord all’Holi Festival, ventimila leghe intorno al mondo