Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Immigrati in Ruanda e neonati in pericolo

Giuseppe Caffulli
20 maggio 2015
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

La notizia è di metà aprile. Israele starebbe discutendo con il Ruanda un accordo multimilionario in grado di ricacciare oltre frontiera centinaia di immigrati sudanesi ed eritrei. Il pacchetto (la cui definizione è rallentata solo dallo stallo nella formazione del governo israeliano) prevede l’accoglienza in Ruanda, in cambio di accordi commerciali di favore e sovvenzioni da milioni di dollari. La trattativa è stata confermata dallo stesso presidente ruandese Paul Kagame, e dal ministro dell’interno israeliano Gilad Erdan. Secondo fonti di stampa, Israele (che si dice abbia una trattiva simile anche con l’Uganda) avrebbe messo sul piatto il volo gratuito e 3.500 dollari a persona. Un bel gruzzolo per degli immigrati irregolari (forse 50 mila, la maggior parte sudanesi ed eritrei provenienti dall’Egitto), in condizioni di grave difficoltà.

Il tema dei migranti (clandestini, profughi e richiedenti asilo), ma anche di coloro che vivono nel Paese con un visto di lavoro, è di quelli che toccano in profondità l’opinione pubblica israeliana. Il ministro dell’Interno del precedente esecutivo di Benjamin Netanyahu, Gideon Sa’ar, ha più volte sostenuto che nella maggior parte dei casi si tratta di immigrati economici illegali, e non di richiedenti asilo (verso i quali Israele avrebbe invece ben diversa attenzione). Di qui la scelta di intraprendere una politica di incentivi al rimpatrio o all’accoglienza in Paesi terzi che sta suscitando però ampie proteste da parte delle associazioni umanitarie sia israeliane che internazionali.

Sta di fatto, però, che la presenza e le condizioni di vita di molti migranti stanno diventando proibitive. La Pastorale dei migranti in Israele ha reso noto che un lattante di quattro mesi è deceduto a metà marzo in un nido sovraffollato di Tel Aviv destinato ai figli dei migranti, soprattutto eritrei. Il bambino avrebbe avuto solo due mesi e il fatto sarebbe avvenuto in uno degli asili improvvisati (e illegali) dove le mamme immigrate lasciano i figli durante il lavoro. Talvolta un solo adulto si occupa di dieci bambini di età tra un mese e i tre anni.

Di questo problema ci siamo appunto occupati nella nostra Storia di copertina (pp. 12-15), che segnala in tutta la sua gravità la situazione. I piccoli dei migranti (costretti a lavorare per un salario minimo per provvedere alle necessità primarie della sopravvivenza), a causa di un’attenzione insufficiente, di cure e cibo scadente, sviluppano patologie di varia natura (psicologiche, motorie, sociali). Alcuni di loro incontrano anche la morte, spesso in seguito a soffocamento. Sarebbero una decina le piccole vittime di cui si ha notizia, solo negli ultimi mesi.

Il vicariato cattolico per gli ebreofoni, per soccorrere le famiglie, ha avviato una collaborazione con gli organismi umanitari che fanno capo alle Nazioni Unite per offrire una risposta a queste situazioni così precarie.

Dopo quello di Gerusalemme un luogo per l’accoglienza dei bambini dei migranti è stato recentemente aperto a Tel Aviv, presso il Centro Nostra Signora Donna di Valore. Preso letteralmente d’assalto dalle mamme, il nuovo nido è già insufficiente. Serve con urgenza un piano d’aiuto, fa sapere la Chiesa locale, per offrire una possibilità di vita a tanti piccoli abbandonati a se stessi.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta (fino al 2005 La Terra Santa) compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme