Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Donne (e uomini) alla guerra del velo

fra Mamdouh Chéhab Bassilios ofm
20 maggio 2015
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

A circa 110 anni dall’uscita del libro intitolato Tahrir al-mar’a («La liberazione della donna») e Al-mar’ah al-giadidah («La nuova donna»), ambedue di Qâssem Amin (1863-1908), conosciuto appunto come «il liberatore della donna» in Egitto, Chérif al-Choubachi, scrittore e giornalista, dopo una ventina d’anni vissuti a Parigi (dove ha lavorato per l’Unesco e nella sede di corrispondenza del quotidiano di Al-Ahram ha pubblicato, sempre in arabo il saggio Thawrat al-mar’ah («La rivoluzione della donna»), uscito nel 2008 al Cairo.

Nel suo libro Chérif dedica un capitolo al hijâb o burqa’, un fenomeno riapparso in Egitto negli anni Settanta del secolo scorso, e che ha continuato ad imporsi nella vita sociale in Egitto, soprattutto a causa dell’insegnamento dei leader religiosi musulmani attraverso tutti i mezzi di comunicazione sociale.

Nel 2006 Chérif aveva scritto alcuni articoli su Al-Ahram a proposito del hijâb (il velo). Affermava, tra l’altro: «Se siamo d’accordo, [in teoria] che indossare il velo è una questione inerente alla libertà personale, nella realtà, le pratiche che lo riguardano negano ogni rapporto con la libertà personale. Infatti c’è un clima che domina per le strade, nelle università e nei luoghi di lavoro che incoraggia l’uso del velo: la donna che non lo indossa attira su di sé ogni tipo di dubbio circa la sua moralità e la sua disciplina. In base a ciò, migliaia di ragazze che solo immaginano di poter girare senza velo sono esposte ad attacchi aggressivi e a “pressanti consigli” (leggasi vere e proprie minacce)».

Il 2 aprile scorso, sulla sua pagina Facebook, Chérif si chiedeva se ci fosse qualche donna coraggiosa pronta a ripetere il gesto compiuto da Hoda Shaarawi nel 1923: togliersi il velo nel bel mezzo di Piazza Tahrir. Chérif dà una motivazione precisa per questa sua campagna contro il velo femminile: colpire l’Islam politico… che ha trovato nei Fratelli Musulmani una sponda potente e che propugna il velo islamico per tutte le donne. La signora Hoda Shaaraoui (1879 – 1947), pioniera del femminismo egiziano nei tempi moderni, fu la prima a svestire il burqa, tornando insieme a un gruppo di donne da un congresso internazionale femminile che si era svolto a Roma.

Il 6 aprile Chérif ha scritto un nuovo post, sempre su Facebook: «Un gruppo di ragazze giovani si liberi dal velo nel corso di una manifestazione pubblica, da organizzare in una giornata della prima settimana di maggio, circondate da un gruppo di uomini. Io per primo sarò tra loro per proteggerle. Sicuramente, la Prefettura del Cairo verrà informata per garantire la sicurezza del luogo».

L’idea di svestire pubblicamente il velo è vecchia di due anni. L’aveva lanciata Bahâ’ Anwar, capo del partito laico in Egitto, un musulmano sciita egiziano, chiamando ad una «giornata mondiale per la rimozione del velo».

Sarà in grado Chérif di portare avanti una campagna che sta spaccando il Paese in due, oppure dovrà rinunciare di fronte alle minacce dell’Islam politico che non lo lascerà in pace?

Sia come sia, al centro di ogni questione resta sempre la condizione della donna e il suo rispetto. Lasciamola libera di essere se stessa, sia che decida di coprirsi la testa (senza nessuna costrizione sociale o religiosa, come Chérif desidera di cuore), sia che decida di togliersi il velo.

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta si rivolge a coloro che intendono approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2019.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 ad oggi.

Il file, in formato pdf, consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Scarica il file
Archivio Storico

Nel 2021 la rivistaTerrasanta compirà cent’anni.

Volete scoprire com’eravamo agli inizi?

Mettiamo a vostra disposizione le prime cinque annate de La Terra Santa (1921-1925) in formato digitale.

Vai all'archivio