Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Nuovo incontro nella rubrica "Donne di Terra Santa"

Un angelo tra gli ospiti del centro di dialisi

Chiara Tamagno
3 maggio 2013
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Un angelo tra gli ospiti del centro di dialisi
Sarah Haggai ritratta al lavoro.

Gira come una trottola tra gli ospiti del reparto di Dialisi dell’A.P.C. Health Specialists Clinics di Gerusalemme, è inconfondibile con il suo copricapo di pailettes al posto di quello austero da infermiera professionale. Si chiama Sarah Haggai ed è l’infermiera più richiesta, più amata e più bizzarra. Eccola a rassicurare una signora palestinese, poi un anziano ebreo, quindi una giovane turista, e tanti, tanti altri ancora che devono sottoporsi al periodico trattamento della dialisi. Sarah parla più lingue e soprattutto comunica con un sorriso e una simpatia travolgenti: canta, scherza, incoraggia, mentre collega fili, imposta le macchine, misura la pressione. Sarah ha studiato a Parigi, ma poi ha deciso di tornare a Gerusalemme, nella terra delle sue radici, dove si è sposata e ha avuto tre figli. L’approdo alla fede ebraica è arrivato più tardi, dopo la separazione dal marito: «La fede mi ha aiutata molto, trovo che la mia religione abbia un sacro rispetto per la vita e questo mi sostiene nella mia professione».

A Gerusalemme, dove l’aspetto religioso è così sentito, Sarah ci tiene a sottolineare come nel suo reparto ci sia una costante attenzione per tutte le religioni: «Qui è un porto di mare e non è facile organizzare il calendario delle terapie, ma teniamo conto delle feste religiose anche di musulmani e cristiani in modo che la dialisi non rovini il loro tempo della festa». Orgogliosa di essere donna, Sarah è convinta che «la femminilità sia una risorsa in più per sapersi relazionare con il malato, per andar incontro, con un cuore di madre, alle esigenze e ai disagi di chi ha bisogno».

Benché così solare, Sarah non si sente del tutto al sicuro nel suo Paese, sa che potrebbero tornare i giorni delle sirene della guerra, ma non ha tempo per pensare ai pericoli: «Qui è meglio non farsi troppe domande, ma vivere con fede e non abbandonare mai la speranza».

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2019.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme