Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Torna la rubrica "Donne di Terra Santa"

Hania, quando la musica e il canto diventano occasione di liberazione

Chiara Tamagno
27 aprile 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Hania, quando la musica e il canto diventano occasione di liberazione
Hania Soudah Sabbara con il suo coro durante un concerto a Gerusalemme. (foto d'archivio)

Sguardo luminoso e piglio volitivo quello di Hania Soudah Sabbara, direttrice accademica dell’Istituto musicale Magnificat di Gerusalemme e direttrice del coro omonimo. Nata 45 anni fa tra le mura della città vecchia, nel quartiere cristiano, è stata «cullata dai suoni delle campane», come lei stessa ricorda. La sua passione per la musica nasce prestissimo. Hania, che frequenta la parrocchia di San Salvatore, viene notata da uno dei francescani, padre Folli, che la convince a studiare musica alla Ruben Academy di Gerusalemme, dove si diploma in didattica della musica. Nel frattempo comincia  a far servizio per il coro di San Salvatore e ne assume la direzione a soli 16 anni.

Da allora Hania non ha mai smesso di dirigere questa corale, ormai celebre e spesso inviata a fare concerti all’estero: «La direzione del coro resta per me un’attività di volontariato a cui mi dedico con tanta passione, anche grazie al sostegno di mio marito e della mia famiglia». Sposata e madre di tre figli, anch’essi avviati alla musica (una pianista, un violinista e una violoncellista), Hania si divide tra il volontariato musicale e il lavoro all’Istituto Magnificat che ha visto nascere insieme a padre Armando Pierucci: «È il primo istituto musicale in tutta la Palestina, ne sono orgogliosa, soprattutto come donna, perché la maggioranza delle insegnanti e delle allieve sono donne; qui non ci sono muri; lavorano insieme ebrei, arabi, olandesi, italiani… un miracolo di armonia! Da noi al Magnificat nessuno chiede di che religione sei, a che popolo appartieni».

Che cosa sogna oggi  Hania? «Non vedo l’ora che tanti nostri allievi conseguano il diploma musicale e che questo tipo di studi si diffonda nel mondo palestinese, dove manca ancora la sensibilità verso questa forma di arte». Hania sorride e le brillano gli occhi quando rivela il sogno più intimo: «Che tante altre donne in questa terra scoprano il valore della musica, un’arte che aiuta anche a superare le tensioni politiche e sociali. La musica e il canto fanno volare più in alto e sono una grande liberazione!»

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2019.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19
Mille e un Marocco
Letizia Gardin

Mille e un Marocco

Mangia Viaggia Ama nel Paese più colorato del mondo