Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Della vite e dei tralci. Il vino nelle tre religioni monoteiste

AA.VV.
23 maggio 2011
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Della vite e dei tralci. Il vino nelle tre religioni monoteiste
Giuseppe Cordiano, Nozze di Cana, dipinto a olio, monastero di Bose (Biella).

La diffusione della vite e della viticoltura è uno dei fenomeni centrali della storia della civiltà, un elemento trasversale che innerva ambiti quanto mai differenti: dall’arte alla scienza, dalla filosofia alla religione. La vite e il vino sono elementi centrali anche nelle religioni monoteistiche. L’offerta delle primizie della terra, tra cui il vino, è per il popolo d’Israele l’occasione per fare memoria della storia della salvezza. E per riconoscere Dio come il Signore del cielo e della terra. Nella liturgia cristiana questo gesto è ripreso nella presentazione delle offerte e nella preghiera eucaristica: «Benedetto sei tu, Signore, Dio dell’Universo… dalla tua bontà abbiamo ricevuto questo pane [questo vino]… frutto della terra [della vite] e del lavoro dell’uomo…». Offriamo a Dio gli stessi beni che ci ha donato, affinché Cristo si faccia presente in essi. Ma il vino e la sua ricca simbologia non sono presenti solo in ambito ebraico e cristiano. Anche nell’islam, pur di fronte ad un divieto di consumo dell’alcool, il vino è una metafora del godimento che si potrà avere in Paradiso.

In questo dossier, grazie ai contributo di fra Giovanni Bissoli dello Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme e del professor Paolo Branca della Cattolica di Milano, vogliamo offrire alcuni spunti di riflessione su un tema non marginale nella storia delle religioni e delle civiltà mediterranee. Soprattutto per noi cristiani, perché con l’immagine della vite e dei tralci Gesù ha espresso il legame necessario tra la sua Parola e la vita vera che ci è donata. (g.c.)

(Queste righe sono solo l’Introduzione al Dossier pubblicato nelle 16 pagine centrali del bimestrale Terrasanta in edizione su carta)

Abbonamenti

Il periodico Terrasanta è per chi vuole approfondire gli aspetti culturali e spirituali della Terra Santa.
Offre articoli su Bibbia, attualità, ecumenismo, archeologia, cultura e dialogo tra le religioni.

Per ricevere il periodico (6 numeri l’anno) la quota d’abbonamento è di 28,00 euro. Disponibile, a 20,00 euro, anche in versione pdf.

Maggiori informazioni
Un saggio di Terrasanta

Vuoi farti un’idea del nostro bimestrale?
Ti mettiamo a disposizione un numero del 2021.
Buona lettura!

Sfoglia il numero
L'indice delle annate

Ai nostri abbonati e lettori più assidui potrà tornare utile l’indice generale della nuova serie di Terrasanta dal 2006 al 2021.

Il file consente di cercare gli articoli, gli autori e i temi che vi interessano di più ed individuare i numeri e le pagine in cui sono stati pubblicati.

Consulta l'indice
Gli animali non mangiano pastasciutta
Manuela Mariani

Gli animali non mangiano pastasciutta

Storie in rima alla scoperta di evoluzione, anatomia e ambienti
Vivere da figli di Dio
Matteo Munari

Vivere da figli di Dio

Il cammino del discepolo in Mt 5,21-48
Turchia
Paolo Bizzeti, Sabino Chialà

Turchia

Chiese e monasteri di tradizione siriaca
I santi del sorriso
Gilberto Aquini

I santi del sorriso

Vite straordinarie tra storia, umorismo e devozione