Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Un appuntamento settimanale nel quartiere di Sheikh Jarah, nei quartieri orientali della città.

A Gerusalemme israeliani in piazza per la casa degli arabi

Chiara Tamagno
10 dicembre 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
A Gerusalemme israeliani in piazza per la casa degli arabi
Lo scrittore David Grossman durante una manifestazione a Sheik Jarah (immagine di repertorio).

Ogni venerdì pomeriggio numerosi intellettuali, politici, attivisti di vari movimenti per la pace si danno appuntamento al quartiere gerosolimitano di Sheik Jarah, a poca distanza dalla porta di Damasco. Lo scopo è dimostrare il proprio dissenso verso la politica degli espropri illegali portata avanti dall’attuale amministrazione israeliana. Perché la protesta si radica proprio in questo quartiere? Perché è diventato il simbolo (e la realtà) di una tensione che cresce tra i coloni ebrei e i residenti arabi: in quest’area si trova la tomba di Shimon haTsadik – Simone il Giusto – un sommo sacerdote ebraico vissuto duemila anni fa e qui, nel corso dell’Ottocento, si stabilì una piccola comunità di ebrei; ma quando nel 1948 Gerusalemme venne divisa in due zone (la parte occidentale agli ebrei e quella orientale agli arabi) l’amministrazione giordana di allora fece stabilire in questo quartiere alcune famiglie arabe, scappate dalla parte ovest della città.

Il problema è che quegli accasamenti non vennero mai fatti registrare al catasto e da qualche anno un numero crescente di famiglie ebree rivendica il diritto a ricostituire la comunità ebraica intorno alla Tomba di Simone il Giusto. Una battaglia non solo legale, che talvolta ha visto coloni ebrei cacciare di casa famiglie arabe, secondo un sistema di giustizia fai da te. Contro questa situazione, che compromette il già fragile sogno della pace, alzano la voce persone comuni ma anche politici, studenti, intellettuali. Nonostante l’imponente apparato militare intorno ai manifestanti, l’atmosfera è tutt’altro che tesa. E i vari leader si intrattengono con quanti chiedono loro un commento. È facile incontrare David Grossman, Avraham Burg, Mossi Raz e altri parlamentari… Parecchi i giornalisti stranieri e i volontari di organizzazioni impegnate nella difesa dei diritti umani. Perché anche la casa è un diritto fondamentale.

Come ricevere l'Eco

Il tabloid Eco di Terrasanta viene spedito a tutti coloro che sono interessati ai Luoghi Santi e che inviano un’offerta, o fanno una donazione, a favore delle opere della Custodia di Terra Santa.

Maggiori informazioni
Sfoglia l'Eco

Se non hai mai avuto modo di leggere Eco di Terrasanta, ti diamo la possibilità di sfogliare un numero del 2019.
Buona lettura!

Clicca qui
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Il libro delle preghiere che guariscono

Il libro delle preghiere che guariscono

Le parole che curano e consolano da tutte le fedi e le culture